venerdì 12 Luglio, 2024
25.1 C
Napoli

Articoli Recenti

spot_img

La storia di Samia viene rappresentata a Ravenna

Laura Ruocco in qualità di regista porta al Teatro Alighieri di Ravenna la storia di Samia, con la trasposizione teatrale del libro di Giuseppe Catozzella “Non dirmi che hai paura”. Lo spettacolo andrà in scena lunedì 8 luglio 2024 alle 21 in prima assoluta, nell’ambito delle Vie dell’amicizia, manifestazione promossa dal Ravenna Festival che ha prodotto anche lo spettacolo. La regista nel corso di un’intervista ha anche raccontato ciò che ha portato all’ideazione dello spettacolo: “Tutto è nato sei anni, fa stavo lavorando con Giorgia Massaro, (che qui interpreta la protagonista Samia) che studiava un reading animato di questo libro che non conoscevo. Mentre me ne parlava ho visto che una luce nei suoi occhi si era accesa, mi ha incuriosito al punto da leggere il libro, che ora, lo ammetto mi ha cambiato in qualche modo la vita”.

La storia di Samia

Questo spettacolo narra la vera storia di Samia Yusuf Omar, l’atleta somala dalla grande determinazione che arrivò a gareggiare nei 200 metri femminili alle Olimpiadi di Pechino del 2008. Tornata da Pechino e decisa ad andare alle Olimpiadi di Londra, Samia abbandonò la Somalia che era nel pieno del regime integralista; la storia di Samia la porta quindi a intraprendere il viaggio dei migranti.

Il cast e la musica

Nello spettacolo ci saranno le musiche di Peter Gabiel e altre realizzate da Alessandro Baldessari che si occupa di musica elettronica. Lo spettacolo si avvale anche di due patrocini, quello di UNHCR e di CONI. Il cast è composto da Giorgia Massaro (Samia), Jonis Bascir (il padre Aabe), di Helen Tesfazghi (la sorella Hodan), Brian Boccuni (Ahmed), Maria Chiara Di Giacomo (la madre) e Elisa Lombardi (Fawday) e Madior Fall nel ruolo del coprotagonista. Oltre loro ci saranno ancora Eleonora Di Luca ed Edoardo Grimaldi e Maya Cito nei panni di Samia, Alì e Hodan bambini. Invece le scenografie sono di Matteo Benvenuti e le luci di Emanuele Agliati