La prima macchina da scrivere con sistema QWERTY il 12 settembre del 1873 fu messa in commercio la prima macchina da scrivere con il famoso sistema QWERTY

la prima macchina

 

La prima macchina da scrivere con sistema QWERTY  della storia.

Era il 1873 e in commercio arrivò una entusiasmante nonché rivoluzionaria novità : la Sholes and Glidden, conosciuta anche come Remington 1, prodotta dall’omonima azienda Remington and Sons.

L’inventore fu Christopher Latham Sholes, con l’aiuto dell’ingegnoso meccanico Carlos Glidden, e la sua commercializzazione avvenne sei anni dopo.

Dopo il trasferimento a Danville per lavorare in una compagnia addetta al servizio stampa, tornò nel Wisconsin. Nel ’41 lavorò per quattro anni come editore al Southport Telegraph, dove conobbe il fedele collaboratore Glidden, lavorando dapprima al nuovo sistema rivoluzionario e poi brevettarono una macchina da scrivere solo con lettere maiuscole. Il prodotto finale però risultava ancora difettoso proprio per questo motivo perché produceva documenti che erano sentiti quasi impersonali e si impediva a chi batteva a macchina di leggere sul retro cosa si era prodotto. Per tali motivi all’inizio l’accoglienza fredda da parte del pubblico, aggiunta agli alti costi di produzione non fecero vedere subito la luce del successo che cominciò ad essere maggiore nel diciannovesimo secolo

La macchina con sistema QWERTY fu usata per la prima volta dai telegrafisti e non dai dattilografi come si era previsto.

La rivoluzione risiedeva nel fatto che la tastiera denominata per la prima volta QWERTY, seguiva la sequenza di lettere dei primi sei tasti sulla tastiera. Da quel momento anche personal computer e altre macchine da scrivere avrebbero assunto lo stesso innovativo sistema.

Tale sistema ai tempi era certamente vissuto come un’enorme novità, soprattutto per evitare che i martelletti della macchina si incastrassero o sovrapponessero durante la battitura. Lo schema  QWERTY velocizzò la scrittura, e di conseguenza rese più produttivo quei settori lavorativi che usufruivano di macchine da scrivere.

E Ancora oggi quell’invenzione così all’avanguardia è divenuta parte integrante della maggior parte delle macchine da scrivere elettroniche, cellulari e personal computer.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories