4shared
22.1 C
Napoli
domenica, 20 Giugno 2021

La plastica, principale fonte di inquinamento marino

La ricerca effettuata in Spagna rivela che bisogna risalire alla fonte per attenuare il problema

Da non perdere

Secondo uno studio approfondito, fino ad oggi, gli articoli in plastica del cibo e delle bevande da asporto dominano i rifiuti negli oceani del mondo. Sacchetti monouso, bottiglie di plastica, contenitori per alimenti e involucri per alimenti sono i quattro articoli più diffusi che inquinano i mari, costituendo quasi la metà dei rifiuti prodotti dall’uomo. Solo 10 prodotti in plastica, inclusi anche coperchi di plastica e attrezzi da pesca, rappresentavano i tre quarti dei rifiuti, a causa del loro uso diffuso e della degradazione estremamente lenta.

La plastica per i cibi d’asporto domina gli oceani del mondo

Gli scienziati hanno affermato che l’identificazione delle principali fonti di plastica oceanica ha chiarito dove era necessaria un’azione per fermare il flusso di rifiuti alla fonte. Hanno chiesto il divieto di alcuni articoli usa e getta comuni e che i produttori si assumessero maggiori responsabilità. L’azione su cannucce di plastica e bastoncini di cotone, in Europa, è stata benvenuta, ma rischiava di essere una distrazione dall’affrontare tipi di rifiuti molto più comuni. I risultati si basavano su un’attenta combinazione di 12 milioni di  dati provenienti da 36 database in tutto il pianeta.

“Non siamo rimasti sorpresi dal fatto che la plastica costituisse l’80% dei rifiuti, ma ci ha sorpreso l’elevata percentuale di articoli da asporto, che non saranno solo i rifiuti di McDonald’s, ma anche bottiglie d’acqua, bottiglie per bevande come la Coca-Cola e lattine”, ha affermato Carmen Morales-Caselles, dell’Università di Cadice, in Spagna, che ha guidato la nuova ricerca.

Queste informazioni renderanno più facile per i responsabili politici agire effettivamente per cercare di chiudere il rubinetto dei rifiuti marini che fluiscono nell’oceano, piuttosto che limitarsi a ripulirlo“, ha affermato. Le cannucce costituivano il 2,3% della lettiera e bastoncini cotonati e bastoncini per lecca lecca erano lo 0,16%. “È positivo che ci sia un’azione contro i bastoncini cotonati di plastica, ma se non aggiungiamo a questa azione i rifiuti più importanti, allora non abbiamo a che fare con il nocciolo del problema: ci stiamo distraendo“, ha detto Morales-Caselles. Il professor Richard Thompson, dell’Università di Plymouth nel Regno Unito, che non faceva parte del gruppo di ricerca, ha dichiarato: “Avere questi dati registrati in modo scientifico appropriato è incredibilmente utile. Può esserci una riluttanza ad agire su qualcosa che sembra molto ovvio perché non c’è uno studio pubblicato su di esso“.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli