22.6 C
Napoli
venerdì, 30 Settembre 2022

La pandemia e la fine della globalizzazione

Aumento del budget militare in tantissimi posti del mondo.

Da non perdere

La globalizzazione fa scomparire i confini nella società globale, aumenta l’interazione sotto forma di cooperazione tra gli attori. Gli attori in questo caso si concentrano non solo sullo stato, ma anche su società e organizzazioni internazionali. Secondo David Held, la globalizzazione è un insieme di processi che descrivono una trasformazione spaziale delle relazioni sociali che esistono all’interno. Tuttavia, l’attuale pandemia ha cambiato tutto.

La pandemia è un fattore scatenante per quanto riguarda la globalizzazione

La pandemia di Covid-19 ha cambiato molti aspetti della vita, dall’interazione sempre più limitata alla crisi economica. Nel settore economico, il Covid 19 ha ostacolato la catena di approvvigionamento, come riportato dalla Banca Mondiale, si è registrato un calo dell’attività economica del 7% nei paesi sviluppati e del 2,5% nei paesi in via di sviluppo nel 2020. La pandemia ha costretto tutte le parti ad adattarsi . per sopravvivere in una situazione molto sfavorevole.

Tuttavia, la risposta della comunità internazionale sembra incoerente e tende a prendere questo come un nuovo momento per rafforzare la propria influenza. Ciò è stato dimostrato al vertice della riunione BRICS del 17 novembre 2020, la Russia che ha sviluppato il vaccino Sputnik V , ha chiesto al suo alias di utilizzare il vaccino che hanno prodotto, quindi Cina e America si sono mosse da sole facendo la stessa cosa. Questo può essere interpretato come una nuova guerra egemonica con un’enfasi sulla diplomazia dei vaccini. Inoltre, la pandemia è diventata un fattore scatenante per i principali paesi per rafforzare ulteriormente la loro influenza nel settore militare.

Aumento del budget militare

America, Cina, India, Gran Bretagna e Russia, che controllano il 62% della spesa militare mondiale nel 2020, hanno aumentato significativamente la spesa militare. L’America ha aumentato la sua spesa militare al livello del 4,4%, la Cina dell’1,9%, la Russia del 2,55% e la Gran Bretagna del 2,9%. A livello mondiale si è registrato un aumento del bilancio militare del 2,4% nel 2020 che inizialmente era solo del 2,2% nel 2019 del PIL. Durante la pandemia, infatti, il PIL medio mondiale è diminuito di circa il 4,4%. Questa è una tendenza molto terribile considerando che in tempi di incertezza c’è bisogno di un buon calcolo per mantenere la stabilità nazionale e internazionale. Se la spesa militare continua ad aumentare ogni anno, costringerà altri paesi a implementare un “equilibrio di potere” e la situazione non migliorerà.

Sottotitolo

image_pdfimage_print

Ultimi articoli