La Minestra Maritata

Minestramaritata_21secolo_IvanaLeo
Minestra maritata

Uno dei piatti principali della cucina natalizia campana è la minestra maritata. Maritata per  lo sposalizio di sapori che si viene a creare cucinando insieme carne e verdure.  Sulle tavole partenopee del Natale o del giorno di Santo Stefano non può mancare.

Per preparare una buona minestra occorrono:

Sale q.b

Pepe q.b a gusto dei commensali

Sedano

Carota

Cipolla

Parmigiano Reggiano

Verdure miste: Broccoli- Verza-Cicoria- Scarola

Gallina

Carne di Maiale: Tracchie- Prosciutto o Gallinella di Suino -Cotica

Salsiccia Forte

Noglia ( Salame tipico della tradizione culturale napoletana, un po’ piccantino)

Procedimento :

Riempire una pentola d’acqua, immergervi all’interno il sedano, la carota e le cipolle tagliate a julienne. Portare ad ebollizione l’acqua e aggiungervi la gallina e lo spezzatino di manzo, la salsiccia forte, la noglia e i vari tagli del maiale. Lasciar cuocere il tutto in modo da ottenere un brodo di pollo e manzo.

Una volta cotte le carni, rimuoverle dalla pentola. Far asciugare il brodo in modo da ridurre i grassi della carne  e aggiungere le verdure precedentemente lavate. Lasciar cuocere le verdure nel brodo per circa un ora.

Una volta cotte le verdure maritarle (unirle) con la carne e far cuocere per altri dieci minuti. Salare e pepare il tutto. Aggiungere il parmigiano reggiano.

Si consiglia di servire la minestra con dei crostini di pane raffermo.

Quella indicata è la ricetta tradizionale della minestra maritata. È possibile tuttavia realizzarne delle varianti. La si può fare con solo la gallina e il manzo. Solo con la carne di maiale e il manzo.

 

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO