4shared
5 C
Napoli
lunedì, 24 Gennaio 2022

La dermatite atopica

Da non perdere

Claudio Melluso
Collaboratore XXI Secolo. Medico Veterinario specialista in patologia aviare e del coniglio (Napoli).

La dermatite atopica è una patologia della pelle di carattere infiammatorio frequentemente riscontrata nei giovani cani adulti. Le cause sono individuabili in allergeni ambientali in grado di scatenare una reazione immunitaria in soggetti geneticamente predisposti.

Il soggetto atopico presenta prurito intenso, arrossamento della cute e, spesso, diradamento del pelo. Il grattamento continuo determina lesioni degli strati superficiali della cute e si rende responsabile dell’insorgenza di infezioni che aggravano il quadro clinico.

La diagnosi di atopia non può prescindere dall’esclusione di numerose altre cause correlabili alla dermatite tra le quali le parassitosi esterne, le endocrinopatie e le allergie alimentari. Escluse queste più probabili condizioni si potrà valutare l’opportunità di sottoporre l’animale a prove allergiche mediante l’iniezione intradermica di diversi potenziali allergeni. Individuate le sostanze responsabili si potrà procedere ad un trattamento iniettabile a base di allergene diluito che in una discreta percentuale di soggetti (circa il 50-60%) nel giro di alcuni mesi può migliorare o risolvere la situazione. Purtroppo l’attendibilità delle prove allergiche è piuttosto relativa e la terapia, come accennato, spesso scarsamente efficace.

La terapia per lungo tempo si è basata prevalentemente sull’utilizzo ciclico di cortisonici ed immunosoppressori, classi farmacologiche che presentano spesso significativi effetti collaterali quali la Sindrome di Cushing iatrogena e l’immunodepressione. Attualmente l’approccio al sintomo è efficacemente gestito con successo mediante l’utilizzo di recenti molecole che inibiscono selettivamente i mediatori chimici del prurito.

A livello topico si effettuano terapie a base di lenitivi e shampoo specifici. Utile è anche la somministrazione di integratori a base di acidi grassi polinsaturi, ribes o aloe.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli