10.9 C
Napoli
martedì, 29 Novembre 2022

La Cina allenta le misure anti-Covid ma la situazione è precaria

Dopo più di due anni si decide per nuove misure, ma la situazione Covid non smette di preoccupare e molte cittadini sono tornati in lockdown.

Da non perdere

La Cina comincia ad allentare le misure anti- Covid per gli stranieri che entrano nel paese.

D’ora in poi sarà più facile per i viaggiatori entrare in Cina, il governo ha appena firmato il decreto che stabilisce una quarantena ridotta a 5 giorni, per chi arriva da fuori, in una camera di hotel, approvato dalle autorità, più altri 3 giorni in isolamento al proprio domicilio.

Un ulteriore agevolazione riguarda i tamponi: non si dovrà fare più due test nelle 48 ore precedenti il viaggio, ma solo uno.

Parte dei cambiamenti risguarda anche le compagnie aeree, che non dovranno più sospendere i loro voli per due settimane, se a bordo si troveranno più di cinque passeggeri positivi al Covid.

Quest’ultima è una misura particolarmente proficua e importante: a causa del numero limitato di posti, e gli improvvisi annullamenti di voli causa Covid, il prezzo dei biglietti era salito alle stelle; con questa misura dovrebbero ammortizzarsi i costi di almeno un 20% circa, e permettere ai viaggiatori di volare tranquillamente senza paura di un improvvisa cancellazione, che negli ultimi tempi era all’ordine del giorno.

Insomma non sarà comunque semplice come prima, ma almeno siamo sulla buona strada, e questo è ottimo!.

I residenti in Cina 

Purtroppo, per quanto riguarda i residenti la situazione cambia. La situazione Covid in Cina non sembra aver allentato la sua presa: proprio oggi Pechino ha chiuso tutti i parchi pubblici.

Circa cinque milioni di persone sono sotto lockdown nel polo industriale di Guangzhou, e nella megalopoli occidentale di Chongqing. Il tutto causato da una “ricaduta” di casi: la Commissione sanitaria ha rilevato solo ieri 10.729 casi di positività, tutti asintomatici.

Ogni giorno quasi tutto gli abitanti che si dirigono a lavoro devono sottoporsi ad un tampone; molte scuole inoltre sono tornate a fare lezioni a distanza.

La Cina dunque si tiene ben allerta sul fronte Covid, per quanto le nuove decisioni possano aiutare c’è da dire che il paese sta affrontando le conseguenze della pandemia, insieme al caldo anomalo, proprio in questi giorni si è registrato un aumento di casi spaventoso che non permettono di respirare a pieni polmoni la normalità.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli