21.2 C
Napoli
giovedì, 6 Ottobre 2022

La Boldrini incontra i ragazzi di Scampia: il progetto “Made in Scampia” mostra il volto pulito del quartiere

Da non perdere

Domani, giovedì 19 novembre, i ragazzi dell’associazione “Voci di Scampia” faranno visita al Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini.

L’incontro, che avrà luogo alle ore 13 presso la Camera dei Deputati, sarà l’occasione per presentare il progetto della “Scatola Made in Scampia”: i giovani napoletani lavorano alacremente da tre anni per dare all’intera nazione un’immagine del loro quartiere diversa da quella delle pagine della cronaca nera. Presente all’incontro anche l’onorevole Davide Mattiello della Commissione Antimafia.

I ragazzi di Scampia, rappresentati da Rosario Esposito La Rossa e Maddalena Stornaiuolo, racconteranno la loro esperienza fin dagli albori: l’idea di mettersi in attività per riscattare un territorio straziato nasce a seguito di un evento tragico consumatosi il 6 novembre del 2004, giorno nel quale il 25enne Antonio Landieri è stato ucciso dal fuoco della camorra per errore.

«Per noi è un momento importante, abbiamo l’opportunità di far conoscere tutte quelle realtà che da anni operano gratuitamente per il territorio»- ha dichiarato Rosario Esposito La Rossa, promotore del progetto e cugino di Landieri- «con la nostra scatola vogliamo far capire che il “Made in Scampia” non è solo l’eroina, ma anche l’operato e la creatività di tanti giovani che hanno deciso di restare e di investire nel proprio quartiere»

La scatola contiene un libro, 25 ebook, un cd musicale, una birra artigianale, un pacco di spaghetti e uno di riso e una spilla di Radio Asharam, webradio antirazzista e pacifista con sede in un bene confiscato alla camorra a Castellammare. Il libro è “Sveglia”, curato da Domenico Rossi e realizzato con carta riciclata ed inchiostro non inquinante. Il cd della casa editrice ed etichetta discografica indipendente di Scampia “Marotta&Cafiero” contiene otto fiabe buddiste cantate da Antonio Pepe. La birra è prodotta dai ragazzi del centro di salute mentale del Rione Sanità con grani antichi recuperati dai contadini del Cilento, gli spaghetti sono realizzati da una cooperativa del territorio e il riso è “Il Riso Della Legalità” prodotto a Vercelli: l’associazione napoletana “Voci di Scampia” lavora sinergicamente con l’associazione “Itaca” di Vercelli, per unire le forze nella lotta alle mafie da Sud a Nord.

Il costo della scatola sarà di 20 euro e servirà a finanziare più di dieci realtà locali: attraverso il ricavato sarà possibile avviare programmi di formazione ed inserimento lavorativo per i giovani del territorio.

«Abbiamo allargato a tutta la Campania il progetto Made in Scampia» -ha asserito la responsabile Maddalena Stornaiuolo- «vogliamo coinvolgere tutte le realtà positive del nostro territorio».

Il progetto “Made in Scampia” diventa sempre più ambizioso: sarà infatti anche un sito, un tour nazionale di presentazioni, cene della legalità con i prodotti della scatola e perfino una piccola agenzia di viaggio che avrà come obiettivo quello di portare a Scampia scolaresche di tutta Italia per far conoscere sia le realtà del territorio che le infinite bellezze artistiche della città di Napoli.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli