32.1 C
Napoli
venerdì, 27 Maggio 2022

JOZEF MEDOVÝ: Un voto d’amore per amore degli altri

Da non perdere

Valentina Maisto
Appassionata di scrittura ha pubblicato vari racconti con diverse case editrici e da sempre sogna di diventare giornalista. Ma il suo sogno più grande è quello di poter pubblicare una sua antologia di racconti.

In questa parabola si può sintetizzare la vita di Don Giuseppe Medový uomo saggio e pieno d’amore per il suo gregge, gancio saldo tra cielo e terra, e l’amore per Dio. Un uomo che in molti ha lasciato una traccia indelebile, che ha insegnato e fatto breccia nella vita di molte persone soprattutto all’autore di questa biografia, Roberto Serafini. Gli studi, l’impossibilità di tornare in patria a causa del colpo di Stato in Cecoslovacchia e l’intera esistenza spesa per il bene e l’amore degli altri, nelle parrocchie italiane, l’autore vuole raccontarci questa imperdibile storia.

Jozef Medový, un sacerdote slovacco, vissuto negli anni degli stravolgimenti politici. Colui che ha maturato la sua vocazione tra l’occupazione “pacifica” e la liberazione dai parte dei russi. L’autore pertanto non ci porta nel mondo della cronaca degli avvenimenti, bensì nel mondo della sua anima cercando di portarla in superficie con la sua capacità di donare e farsi amare. Caratteri deboli che si annidano nell’ira irrazionale di chi potrebbe saper gestire paura e rabbia, ma che invece Jozef ha saputo gestire nonostante le difficoltà.

All’interno del libro notiamo nozioni di vita “imprevedibili”. Infatti l’autore ci racconta che la vita è protagonista di atti incontrollabili. Ci riferiamo al fatto di non essere potuto rientrare nella sua patria dopo la sua ordinazione sacerdotale, il lungo sogno coltivato dalla libertà per la sua terra. Non resta che un legame indissolubile da quel che si instaura fra coloro che soffrono e coloro che spendono la propria vita per atti imprevedibili.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli