21.2 C
Napoli
giovedì, 6 Ottobre 2022

Italicum, Renzi: premio alla prima lista

Da non perdere

Vincenza Papa
Collaboratore XXI Secolo.

L’Italicum approvata alla Camera e in attesa di discussione al Senato, vira ad una nuova modifica.
Ieri Matteo Renzi durante la direzione del Pd ha annunciato: “Il premio di maggioranza sarà assegnato alla prima lista, e non alla prima coalizione”. 

La Legge elettorale approvata alla Camera lo scorso Marzo prevedeva: un sistema proporzionale con premio di maggioranza alla coalizione vincente che raggiunge il 37 % dei voti.  Nel caso in cui nessuna coalizione raggiunga la soglia, è previsto il ballottaggio fra le prime due. Inoltre liste bloccate e soglie di sbarramento.

La modifica prevista da Renzi: consentirà una vittoria chiara, un vincitore, e – sottolinea il Premier –  la certezza è un grande risultato. Un passaggio chiave per l’Italia perché non c’è mai stata una legge elettorale che rendesse chiaro chi fosse il vincitore, né con il Mattarellum né con il Porcellum.

Il Pd si allarga: Se il Pd pensa di essere il Partito della Nazione (così chiamato da Reichlin) – che parli a tutti – deve essere in grado di contenere altre realtà, come i “transfughi” di Sel e Scelta Civica, dichiara Renzi. Io spero che da Migliore con Led fino ad Andrea Romano che con quella parte di Scelta Civica che vuole stare a sinistra ci sia spazio di cittadinanza piena. Uno spazio – sottolinea il segretario dem- certo non esclusivo che però nel Pd non ce l’ha nessuno, neanche il segretario.

Il modello – prosegue Renzi- è un partito che abbia la vocazione maggioritaria,  con gli strumenti elettorali che lo consentano e quindi, meglio il premio alla lista che alla coalizione“.

Il nuovo centro destra favorevole: Angelino Alfano, leader di Ncd, dichiara di essere generalmente favorevole con la proposta di Matteo Renzi, a patto che: “vengano reintrodotte le preferenze e si restituisca ai cittadini la facoltà di scegliere, che è il vero nodo che ci interessa”.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli