4shared
8.5 C
Napoli
mercoledì, 1 Dicembre 2021

Israele, assalto a Gerusalemme: un morto e tre feriti

L'attacco si è verificato nei pressi del mercato arabo che costeggia il Muro del Pianto. L'attentatore era un militante travestito da ebreo ortodosso

Da non perdere

Almeno quattro poliziotti israeliani sono rimasti feriti in una aggressione nella città vecchia di Gerusalemme. Secondo la polizia, come riportato dal “Times of Israel”, il terrorista è stato “colpito e neutralizzato”. Uno degli agenti feriti nell’attacco non ce l’ha fatta, secondo stando alle dichiarazioni di Radio Militare.

Il movimento islamico di Hamas ha individuato in Fadi Abu Shkhaydam, 42 anni, il palestinese assassinato questa mattina negli scontri con le forze israeliane nella città vecchia di Gerusalemme. Il gruppo ha dichiarato che la vittima era ”un leader di Hamas’‘ insediato nel campo profughi di Shuafat di Gerusalemme est.

”Il messaggio dell’operazione eroica è quello di un avvertimento al nemico criminale e al suo governo, perché fermi gli attacchi contro la nostra terra e i nostri luoghi sacri”, si legge in una nota diffusa dal gruppo che governa la Striscia di Gaza. Israele, prosegue la nota, ”pagherà il prezzo delle scelleratezze che commette contro la Moschea di al-Aqsa e altrove”, ha concluso.

Cos’è Hamas, l’organizzazione che si scontra da oltre 30 anni con Israele?

Hamas è l’acronimo di Harakat al-Muqawwama al-Islamiyya: Movimento di Resistenza Islamica. La parola Hamas, in arabo vuol dire “entusiasmo”. Si tratta un’organizzazione religiosa islamico-palestinese, di carattere paramilitare e politico. Viene considerato un gruppo terroristico da Israele e dai Paesi occidentali. Il movimento è ispirato ai Fratelli Musulmani ed è stato fondato il 14 dicembre del 1987 dello sceicco Ahmed Yassin, morto nel 2004 durante un attacco aereo israeliano. Il progetto di Hamas è quello di mettere nelle condizioni lo Stato ebraico di ritirarsi dai territori occupati nel 1967 e di costituire lo Stato islamico in tutta la Palestina storica.

Come è divisa la Città di Gerusalemme?

Gerusalemme è abitata sia da israeliani (il 60 per cento della popolazione) sia da palestinesi. Israele, tuttavia, dal 1967 occupa e controlla militarmente più di metà dei quartieri in cui vivono i palestinesi. Questa coabitazione nel tempo ha generato migliaia di grandi e piccoli conflitti relative ai confini territoriali, che complicano ulteriormente la già intricata questione della guerra fra palestinesi e israeliani. I problemi scaturiscono dal fatto che Gerusalemme, per ragioni differenti, è riconosciuta come capitale del proprio stato sia dai palestinesi sia dagli israeliani.
Unico elemento chiaro della città vecchia è la suddivisione urbanistica in quattro quartieri: 

  • ebraico;
  • musulmano;
  • cristiano;
  • armeno.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli