Ischia: trovata una soluzione per Villa Mercede

Ischia, è stato un incontro duro, caratterizzato anche da momenti di scontro tra sindacati, Prefettura, Asl e istituzioni politiche, quello che vede protagonista Villa Mercede.

Finalmente termina l’agonia durata mesi, di Villa Mercede, l’azienda sanitaria sita nel comune di Serrara-Fontana, un vero e proprio fiore all’occhiello dell’ASL Napoli 2. La struttura ospita circa ventinove vecchietti, che quotidianamente ricevono assistenza sanitaria, riabilitazione, cure e quant’altro necessario ad alleviare le loro sofferenze, nonché circa quarantacinque lavoratori, tra OSA, OSS infermieri. Al centro dell’attenzione, da qualche settimana, era proprio il personale che si occupa dei malati, presenti nella struttura; il personale infatti, rischiava di perdere il lavoro. Da oltre nove mesi, oramai, i quaranta dipendenti di Villa Mercede, non percepiscono lo stipendio, in seguito ad una serie di ricorsi che hanno creato una situazione fortemente instabile e che ha condotto ad una vera e propria decrescita.

La Rsa dispone di ben 29 posti residenziali ed un centro diurno geriatrico per malati di Alzheimer con 20 posti semiresidenziali, rappresenta dunque, un tassello sanitario e sociale, importantissimo per l’isola d’Ischia.

Secondo quanto dichiarano i responsabili della Civitas, il problema sarebbe insorto in ragione dei mancati pagamenti da parte della Asl Napoli 2. La sospensione delle attività assistenziali lederebbe fortemente i diritti dei pazienti e delle loro famiglie. Affidata con gara d’appalto al Consorzio Nestore, la gestione della struttura è stata ceduta alla coop Civitas in subappalto in proroga fino al novembre 2017 e attualmente in attesa dell’esito della gara d’appalto. Gara bloccata in seguito a un ricorso al Tar.

Dopo diversi interventi, e richieste di aiuto, oggi è arrivata la soluzione, Villa Mercede, verserà alla cooperativa la somma di 420.000 euro che serviranno a pagare gli stipendi ai dipendenti fino a tutto il 31 dicembre. Tra le personalità politiche presenti, vi erano tra gli altri, il sindaco del comune di Serrara-Fontana, Rosario Caruso, un assessore del comune di Barano e anche una persona delegata dal sindaco di Casamicciola Terme; gli altri invece sono rimasti bloccati sull’isola d’Ischia a causa delle avverse condizioni meteomarine.

Una vicenda che fortunatamente si è conclusa nel migliore dei modi; Villa Mercede è una struttura sanitaria di notevole importanza per l’isola d’Ischia, e naturalmente, tutti coloro che ogni giorno vi operano per assicurarne il funzionamento e per garantire assistenza agli anziani presenti, mertiano rispetto e ascolto.

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories