27.8 C
Napoli
venerdì, 19 Agosto 2022

Irlanda del Nord, giornalista uccisa: arrestata donna

Il gruppo terroristico New Ira ammette la responsabilità della morte di Lyra Mckee. La sua compagna: "Una instancabile sostenitrice e attivista per i diritti Lgbt"

Da non perdere

L’organizzazione paramilitare New Ira ha ammesso l’uccisione della giornalista Lyra Mckee avvenuta nella notte di giovedì a Derry in Irlanda del Nord: il gruppo terrorista si è “scusato” con i congiunti della ragazza, come riporta il quotidiano The Irish News.

I terroristi però cercano anche di “giustificare” il crimine accusando la polizia di aver provocato la rivolta che ha portato alla tragedia. Lyra, che si trovava accanto ad una vettura della polizia, era stata colpita da spari diretti appunto in direzione degli agenti.

I due ragazzi di 18 e 19 anni arrestati inizialmente sono stati rilasciati ieri, mentre una donna di 57 anni è stata trattenuta in base al Terrorism Act che permette di detenere sospettati senza un’accusa formale.

“Una instancabile sostenitrice e attivista” per i diritti delle persone Lgbt, come la descrive la sua compagna durante la veglia che si è tenuta venerdì a Londonderry, la ventinovenne Mckee, nel suo lavoro di reporter si era occupata del conflitto nordirlandese. “L’omicidio di Lyra McKee e le violenze mi hanno spezzato il cuore”, ha scritto su Twitter l’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, protagonista degli accordi del Venerdì santo nel 1998, che misero fine ai Troubles che per trent’anni avevano sconvolto l’Irlanda del Nord. Circa 3500 furono i morti negli scontri, che opponevano i repubblicani nazionalisti cattolici favorevoli all’unificazione dell’Irlanda e i lealisti unionisti protestanti difensori della Corona britannica.

La tensione si è alzata di recente a causa della Brexit, poiché il confine nordirlandese è uno dei punti cardine nel divorzio tra Regno Unito e Unione europea. A Derry durante il mese di gennaio era già esplosa un’autobomba, episodio che aveva già fatto temere nuovi attacchi da parte di gruppi paramilitari.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli