22.6 C
Napoli
venerdì, 30 Settembre 2022

Interplay international dance festival

Da non perdere

Emanuela Iovinehttps://www.21secolo.news
Ambiziosa, testarda e determinata. Napoletana ma residente a Gallarate. Ho conseguito la Laurea Magistrale in Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II", presentando una tesi dal titolo: "Tendenze Linguistiche del Giornalismo dalla carta al web". Iscritta dal Novembre 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti della Campania. Diplomata nel Giugno 2013 in danza classica e moderna e attualmente docente di lettere.

Dal 21 maggio al 7 giugno si terrà la XIV edizione dell’Interplay International Contemporany Dance Festival a Torino, appuntamento diretto da Natalia Casorati e organizzato da Mosaico Danza con la partecipazione di 22 compagnie e 70 artisti provenienti da tutto il mondo.

Sul palcoscenico post-industriale delle Fonderie Limone di Moncalieri si esibiranno i migliori rappresentanti della scena contemporanea mondiale che tratteranno tematiche legate all’attualità, aggirando le difficoltà economiche del periodo in cui viviamo e caratterizzandosi come punto di riferimento dei network italiani e internazionali della danza. Il progetto è stato realizzato grazie alla collaborazione tra vari enti: il Ministero, la Regione Piemonte, le fondazioni bancarie, il Festival Torino-danza e quest’anno anche la Commissione Europea. Non dimentichiamo poi la collaborazione con il Dams- Università degli Studi di Torino per la “giornata di studio” del 30 maggio con Moos Van Der Broek, esperta di drammaturgia della danza contemporanea.

Tra i nomi che risuonano vi è quello di Giulio D’Anna che l’anno scorso concorse con “Parkinson’s“, un commovente duetto con il padre affetto da questa terribile malattia e che lavora a cavallo tra i  Paesi Bassi e l’Italia. Presenzierà anche Michele di Stefano che ha appena ricevuto il leone d’argento alla Biennale di Venezia e che qui presenterà “Robinson” e Cristina Rizzo che si è formata a New York alla Martha Graham School of Contemporany Dance.

Il Festival inaugura il 21 maggio al Teatro Astra, ospitando il giovane e talentuoso coreografo isreaeliano Roy Assaf che si esibirà in “The Hill” con cui ha vinto il primo premio al 27° concorso internazionale per coreografi: Ballet Gesellschaft di Hannover.

Il 26 maggio vi sarà una prima nazionale con lo spettacolo Mono con sei eccellenti danzatori che hanno ricevuto anche la nomination allo SWAN, come miglior produzione di danza 2012. Il 27 maggio verranno presentate tre belle realtà italiane per sostenere i coreografi che lavorano sul territorio nazionale, ricevendo importanti riconoscimenti anche all’estero. Interverrà anche la giovanissima coreografa Giorgia Nardin che si sta affermando come una delle realtà più interessanti del panorama italiano. Il 29 e il 30 maggio il festival prosegue ospitando poi sei compagnie tra quelle selezionate dal network internazionale: Dance Roads, attivo da 25 anni per dare la possibilità a promettenti coreografi di emergere. In questi due giorni la guest star è Daniele Albanese, danzatore e coreografo formatosi con Steve Paxton e Lisa Klaus già vincitore di premi internazionali. Il 31 maggio l’interplay si mescolerà invece con blitz metropolitani in Piazza Vittorio Veneto, dove sei coreografi tra i più significativi nell’ambito della danza contemporanea urbana porteranno lavori di grande intensità e virtuosismo tecnico per attrarre gli appassionati e protagonisti saranno Jordi Vilaseca, ballerino catalano dotato di grande presenza scenica; Entomo EA&AE, duo spagnolo di danza contemporanea urbana e numerosi artisti che si sono affermati nel corso delle varie edizioni dell’interplay: Tecnologia filosogica, lavoro che ironizza il rapporto tra coppie gay e altre.

Tappa conclusiva sarà il 7 giugno al Castello di Rivoli, uno dei più importanti musei nazionali d’arte contemporanea e gioiello dell’architettura sabauda. In questa data sarà possibile assistere alla performance della compagnia francese di danza verticale: Retouramont in prima regionale, una sfida alla gravità che rivoluziona i concetti di verticalità e orizzontalità.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli