19.2 C
Napoli
domenica, 2 Ottobre 2022

Insetti, nuove scoperte portano alla retrodatazione

Stimata inizialmente fra i 407 e i 396 milioni di anni, la nascita dei primi insetti viene spostata. Più antichi del previsto, secondo un nuovo studio, che permetterà combattere le specie più pericolose.

Da non perdere

Alcuni gruppi di insetti, come le farfalle, le zanzare o le cimici, secondo uno studio condotto dall’Università Statale di Milano, ha permesso di retrodatare l’origine di diversi gruppi di insetti.

La ricerca, condotta dall’entomologo Matteo Montagna del dipartimento di Scienze agrarie e ambientali dell’ateneo milanese, in  collaborazione con altri esperti paleontologi, entomologi e biologi evoluzionisti internazionali, è stata anche pubblicata sulla rivista Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences.

La scoperta porterebbe la datazione e l’evoluzione degli insetti molto più indietro, a 465 milioni di anni fa, anziché 407, mentre, per quanto concerne la grande estinzione di massa avvenuta alla fine Permiano, questa avrebbe influito poco o nulla.

Questa ricerca ha portato i ricercatori su una nuova pista, offrendo loro  nuovi spunti per la lotta contro le specie ritenute più infestanti e pericolose sia per l’agricoltura sia per la salute dell’uomo.

L’entomologo e primo autore dello studio Matteo Montagna, ha spiegato: “Questo studio ci dimostra come gli insetti siano un gruppo animale estremamente plastico, che si è saputo adattare a diversi scenari di crisi sfruttando al meglio le risorse disponibili fino a diventare dominatore degli ecosistemi terrestri.

A portare i ricercatori a tale risultato sono stati gli esami svolti su un database di 1470 proteine appartenenti a 140 specie di artropodi, andando a stabilire il loro legame di ‘parentela‘.

Questa sorta di ‘albero genealogico‘ è stato poi arricchito con gli antenati, cioè gli esemplari fossili che hanno permesso al meglio la datazione dell’evoluzione molecolare delle specie.

Lo stesso Montagna racconta: “Abbiamo esaminato 27 fossili da tutto il mondo e 8 ritrovati nel sito Unesco del Monte San Giorgio, tra Italia e Svizzera. Il gruppo degli insetti si sarebbe originato circa 465 milioni di anni fa e avrebbe risentito pochissimo della crisi di fine Permiano, l’estinzione di massa più catastrofica che 250 milioni di anni fa avrebbe cancellato il 70% delle specie terrestri.

Una delle curiosità più interessanti che ha portato alla luce lo studio riguarda le zanzare; queste infatti sarebbero comparse 131 milioni di anni fa e avrebbero succhiato il sangue di anfibi, rettili e dinosauri prima ancora che dei mammiferi.

 

image_pdfimage_print

Ultimi articoli