martedì 18 Giugno, 2024
24.6 C
Napoli

Articoli Recenti

spot_img

Incentivi auto: confermati gli extra bonus per il 2021

Il Decreto Rilancio, diventato legge quest’estate, nasce per fronteggiare i danni economici causati dall’emergenza sanitaria ancora in atto. Il decreto, prevedeva misure attuate con l’obbiettivo di aiutare le famiglie, le imprese e cosa più importante sostenere il reddito. Tali misure, prevedevano anche degli incentivi destinati all’acquisto di veicoli come automobili.

Inizialmente, il decreto prevedeva degli incentivi (validi fino al 30 Dicembre 2020), per l’acquisto di automobili.

È possibile, richiedere fino ad un massimo di 3.500 euro per auto che rientrano nell’Euro 6 (standard sulle emissioni inquinanti validi in tutta Europa). Per quanto riguarda, auto elettriche oppure ibride, è possibile richiedere un massimo di circa 10.000 euro. I bonus rilasciati, vanno non solo in base al reddito dell’acquirente ma anche in base ad un’eventuale rottamazione di una vecchia automobile.

Per quanto riguarda gli incentivi destinati ad agevolare l’acquisto di un’eventuale auto usata, il bonus si sconto fiscale fino al 60%.

Cosa prevede la nuova manovra economica?

Dato che, tra pochi giorni non sarà più possibile richiedere tale bonus, la nuova manovra economica prolunga il rilascio degli incentivi anche per il 2021.

Il nuovo progetto, che prevede degli extra bonus per il 2021, si basa sul decreto rilancio del 2020 e prevede un’extra bonus di 2000 euro per veicoli elettrici e ibridi e un bonus di 1500 euro per le auto euro 6. Come quanto previsto nel 2020, i bonus vengono calcolati anche in base ad una eventuale rottamazione di vecchi veicoli.

Il capogruppo Pd della commissione Attività produttive di Montecitorio, Gianluca Benamati ha dichiarato ”L’inserimento in legge di bilancio di un pacchetto di sostegno all’industria nazionale dell’automobile è un’ottima notizia. Il quadro del settore, particolarmente colpito dal covid 19, ma strategico per il futuro del paese ha bisogno di questo impegno”. 

In base a quanto riportato dalla testata La Repubblica, tale manovra ”È una misura che unisce il sostegno a un comparto trainante per l’economia nazionale, ad un forte impatto ambientale per la sostituzione di modelli vecchi con nuovi assai meno inquinati e che può lenire i grandi problema occupazionale che si prospettano nel settore.”