“In fondo agli occhi”, uno spettacolo autobiografico La cecità messa in scena come metafora attraverso cui raccontare la crisi

spettacolo

Portato in scena per questo weekend al Teatro Tram, “In fondo agli occhi”, è uno spettacolo di nuova drammaturgia.

L’idea di teatro portata in scena con questo spettacolo è unanimemente riconosciuta come una tra le più influenti della scena contemporanea.

In scena ci saranno Gianfranco Berardi (che ha vinto il Premio UBU come “Miglior attore” nel 2018) e Gabriella Casolari, con la regia di César Brie. Lo spettacolo è portato in scena dalla compagnia Berardi Casolari.

Ad essere rappresentata è una storia autobiografica che parla di cecità, e la affronta in un duplice punto di vista. Vi è un punto di vista reale, in cui la malattia fisica diventa un filtro attraverso cui analizzare il contemporaneo; e un punto di vista metaforico, in cui la cecità è la condizione di un intero Paese, che smarrito, brancola nel buio alla ricerca di una via d’uscita.

Con questo spettacolo ci si riflette su un paese malato; e un paese che, non essendo altro che le persone che lo vivono, è fatto di gente malata.

La malattia di Gianfranco è così messa in scena in maniera autentica, come una metafora attraverso cui raccontare la crisi, poiché fonte di dolore, ma al contempo di opportunità per rivalutare l’essenziale e mettersi in gioco in prima persona, svelando ciò che si è così come si è. Affrontato anche l’aspetto complementare della malattia, e cioè la cura, reale esperienza che Gabriella vive.

Qui l’unione anche con César Brie: “L’autobiografico e l’universale vanno di paro passo: quando mi parli precisamente di te, mi parli del tuo paese, quando mi parli del tuo paese mi parli esattamente di te”.

È nata così la voglia di costruire, da ciò che sta in fondo ai nostri occhi, un affresco del contemporaneo.

La trama vede come protagonisti una barista, una donna delusa e abbandonata dal suo uomo, e Tiresia, suo socio e amante, non vedente. I due raccontano la propria storia, i propri sogni mancati, le proprie debolezze e le proprie speranze nel bar ‘Italia’, che diviene la metafora di un paese dove “non è rimasto più nessuno”.

I protagonisti sono stati, sono e saranno sempre in crisi, proprio come il paese in cui vivono, logorati,oltre che dal proprio rapporto, anche dalla propria stessa esistenza .

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories