4shared
12.8 C
Napoli
giovedì, 27 Gennaio 2022

In Birmania non c’è fine al massacro generale

Birmania, verso la fine, nessuna preoccupazione per lo stato ma sembra cadere verso il fallimento.

Da non perdere

 Dopo il colpo di stato la Birmania continua a vivere una repressione costante, mentre tutti gli appelli a esercitare una pressione internazionale non hanno avuto risposta.

L’ennesima notizia è stata il massacro di 35 persone il 24 dicembre, trascinate fuori dai veicoli, uccise e bruciate. Due dipendenti dell’ONG internazionale Save the Children che si trovavano all’interno di uno dei minibus che sono andati in fiamme e spariti. Inoltre un ospedale di fortuna, nella giungla con un gruppo di infermiere birmane ha deciso di agire per curare i dissidenti fuggiti dalla repressione della giunta militare birmana, dopo il colpo di Stato a cui sono seguite massicce manifestazioni soffocate nel sangue dalla dittatura.

La tragedia successa vicino ad un villaggio abitato dove gli abitanti erano in fuga dagli scontri armati  tra forze armate e oppositori con armi.

Le Nazioni Unite sono schioccate dal massacro, anche se  il segretario generale dell’organizzazione non può far altro che chiedere una “indagine approfondita” sull’accaduto.

Da quando si è rovesciato il governo e messo agli arresti domiciliari Aung San Suu Kyi, che resta il punto di riferimento per la maggioranza della popolazione, i militari non sono riusciti a stabilizzare la situazione. Anche co la repressione, la resistenza attiva e passiva della popolazione non si ferma.

Inoltre migliaia di giovani sono entrati nei ranghi delle milizie etniche e oggi i focolai di resistenza armata si oppongono alla giunta. L’esercito non è in grado di stroncare questa resistenza e a centinaia di persone sono state costrette ad abbandonare le proprie case.

In questa impasse totale i militari non si fermano. “La Birmania diventerà uno stato fallito, nuove forze approfitteranno di tutto ciò per sviluppare l’ industria delle droghe pesanti,  e promuovere il traffico di animali”.

L’aspetto peggiore è l’indifferenza generale. La Birmania è ormai sparita dall’agenda dei mezzi d’informazione, tranne quando un massacro va oltre le normali tragedie e quindi bisogna per forza parlarne.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli