giovedì 18 Aprile, 2024
12.5 C
Napoli
spot_img

Articoli Recenti

spot_img

Iliad, dopo il 5G c’è un nuovo servizio gratis

Iliad, il gestore virtuale neonato, che è stato in grado di spopolare nel panorama economico italiano, non sembra avere grosse pretese nei confronti degli utenti.

Con appena 7,99 euro al mese offre infatti la sua promo migliore, che conta servizi gratuiti, tralasciando la possibilità di chiamare ed inviare SMS senza alcuna spesa a qualsiasi operatore, nonché i 50gb di traffico mensili.

Attraverso la “Giga 50” ognuno degli utenti ottiene il necessario per restare online in tutta tranquillità in Italia ed Europa con chiamate, SMS ed Internet in 4G, anche se ultimamente la rete sembra essere stata migliorata. È stato infatti effettuato un intervento ad hoc in anticipo rispetto al 5G.

Il gestore, pur non essendo pressante nei confronti dei clienti, risulta comunque aspirare a grandi traguardi commerciali, per consolidare il proprio marchio, il quale, difatti, risulta aver rapidamente acquisito popolarità grazie ai suoi servizi gratuiti.

Il prossimo step, nel piano commerciale prefissato da parte del brand, risulta essere quella di affiancare il segmento delle telefonia mobile a quello della telefonia fissa. 

Benedetto Levi, Amministratore Delegato del gruppo Iliad, ha ben chiarito le proprie intenzioni riguardo suddetta linea, definendo una timeline ben precisa per l’accesso in rete ai servizi in Fibra Ottica.

A partire dal 2021 l’operatore francese vorrebbe inserire un listino di novità per la sua rete, in vista del 5G vorrebbe consolidare un piano per Internet ad alta velocità anche da casa.

Le dinamiche sono ancora oscure, ma la road map avrà termine entro il prossimo 2024, quando ci sarà l’accesso a tutta una serie di servizi di rete alternativi per la telefonia residenziale. 

Il brand è stato in grado di raccogliere l’approvazione del 98% dei clienti, grazie alla tutela che il brand riserva loro.

 

Emanuele Marino
Emanuele Marino
Giornalista pubblicista, nonché studente universitario iscritto alla facoltà di Lettere Moderne presso l'Università degli studi di Napoli Federico II