Il Teatro San Carlo apre le proprie porte virtualmente Il teatro lirico napoletano adotta l'iniziativa "io resto a casa"

Teatro San Carlo

Il Teatro San Carlo, così come tante strutture simili in Italia, ha adottato l’iniziativa “io resto a casa”. Per sconfiggere il propagarsi della diffusione del coronavirus.

Il celebre palcoscenico napoletano, ha infatti, aperto virtualmente le porte ai propri spettatori. Attraverso i canali social ufficiali quali Facebook, Instagram e Twitter è possibile rivedere gli spettacoli precedentemente portati in scena oppure approfondire le proprie conoscenze circa la storia del Teatro San Carlo.

Si avrà modo di avere accesso ad alcuni contenuti inediti, come il backstage, delle interviste ai vari artisti.

Tra i tanti approfondimenti storici, sarà possibile rivedere la puntata di “Meraviglie” che il paleontologo Alberto Angela ha dedicato al teatro lirico più antico d’Europa.

Gli spettacoli che si potranno rivedere, restando comodamente a casa saranno:
Cavalleria Rusticana, l’Ermione, Cenerentola e tanti altri.

Riguardo questa situazione, senza precedenti storici, si è espressa la soprintendente del Teatro lirico napoletano.

Queste le dichiarazioni di Rosanna Purchia: “In questi tempi difficili, il Teatro San Carlo sente ancora di più la necessità di rafforzare la propria missione civile continuando a diffondere bellezza e arte, e risvegliando in ciascuno, grazie a quei valori che costituiscono l’identità del nostro Paese, quel forte senso di comunità necessario a superare questo momento di difficoltà. La nostra attività di Spettacolo dal vivo è un’attività collettiva fatta con l’uomo e per l’uomo. Per questo vorrei ribadire che siamo aperti virtualmente solo in maniera temporanea, ma torneremo presto, perché fino a quando il San Carlo suonerà dentro e fuori le proprie mura ci sarà speranza per Napoli e per il mondo”.

Il palcoscenico napoletano, invita quindi i propri seguaci, a restare a casa, in un momento storico molto difficile per l’intero paese.

In attesa di spettacoli dal vivo, dunque, non resta che seguire le esibizioni virtuali.

Print Friendly, PDF & Email

Maria Saviano nasce ad Ottaviano, il 20 Marzo 1996. Consegue il diploma di maturità Classica, presso il liceo Armando Diaz di Ottaviano e attualmente studia, Lettere Moderne, presso il dipartimento di Lettere e Filosofia dell' Università Federico II di Napoli. Ama scrivere, leggere, ascoltare musica, fotografare. Appasionata di calcio, segue e ama la Società Sportiva Calcio Napoli.

more recommended stories