4shared
8.5 C
Napoli
mercoledì, 1 Dicembre 2021

Il Sindacato USIP (U.I.L. Confederale) in piazza il 21 luglio

Da non perdere

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

COMUNICATO
Polizia. Il Sindacato USIP (U.I.L. Confederale) in piazza il 21 luglio “la Sicurezza deve essere un in vestimento, non un costo”.
Ad annunciarlo il Segretario Generale della Provincia di Napoli Roberto Massimo
Si terrà il prossimo 21 luglio 2021 dalle ore 17:30 alle ore 20:30 in via Scarlatti (Napoli), un presidio con raccolta firme  con annesso volantinaggio organizzato dalla Unione Sindacale Italiana dei Poliziotti (USIP) che rientra anche nell’ambito della iniziativa della UIL Nazionale “Zero Morti sul Lavoro”.
L’iniziativa è finalizzata a sensibilizzare l’opinione pubblica “sui temi della salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro, argomento affrontato a più riprese e con diverso materiale documentale dall’USIP in questi anni”, fa sapere il Segretario Roberto Massimo.
“Le donne e gli uomini della Polizia operano in condizioni al limite, in sedi spesso non attrezzate, troppe volte senza che vi sia il rispetto delle minime condizioni di sicurezza ed igienico sanitarie, ma ancor di più non possiamo più permettere un utilizzo indiscriminato, da parte del Responsabile della Questura, della clava disciplinare e dei trasferimenti “punitivi mascherati” per questi Eroi”. “Chiediamo- continua il Segretario Generale – più uomini e risorse per garantire maggiore diritti per i lavoratori e quindi maggiore sicurezza per la collettività, affinché si possa meglio combatte la micro e macro criminalità a Napoli, nonché il notorio problema delle Baby Gang che tanto terrorizza genitori e figli” continua il numero uno dell’USIP Napoli.
“Come già in passato, inviamo un appello ai rappresentanti della politica regionale e comunale, senza distinzioni di appartenenza, affinché siano presenti presso il nostro gazebo su di un tema così delicato. Servono responsabilità, investimenti e coraggio in questo settore per mettere in totale sicurezza chi lavora per tutelare e difendere i nostri cittadini”, ha concluso Massimo.
image_pdfimage_print

Ultimi articoli