mercoledì 24 Luglio, 2024
28.3 C
Napoli

Articoli Recenti

spot_img

Il fagiolo in cucina: dolce e salato

La cucina è un’arte sensoriale, la cui storia e il senso passa grazie all’insieme di pratiche e tradizioni legate alla produzione di materie prime. Il termine cucina deriva dal latino “coquere”, cuocere.
L’umanità, alle sue origini, sperimentò la cottura esponendo la carne ed altri alimenti al calore del fuoco scoprendo la cottura come metodo di preparazione dei cibi, e, da allora, questo cammino non si è mai interrotto.

Il fagiolo in Europa

Il fagiolo comune è una pianta originaria dall’America centrale. Esso è stato importato in Europa con la scoperta dell’America, fino a quel momento in Europa esistevano soltanto i fagioli di specie originari alla Vigna (fagioli tipici asiatici ).

Il fagiolo nella cucina italiana

Nella cucina italiana, il fagiolo viene usato principalmente per pasti salati come “la minestra di fagioli”, “la pasta e fagioli” e “il pancotto con i fagioli”.
Ad esempio, la pasta e fagioli è un piatto tipico della cucina italiana e ne esistono diverse varianti.
Nella cucina napoletana la particolarità è che la pasta è direttamente cotta con i fagioli. In questo modo tutto l’amido della pasta è conservato.
Nella cucina italiana non ci sono piatti dolci tipici con i fagioli. Spesso ci sono anche persone che danno per scontato l’inesistenza dei dolci con questo ingrediente.

… e all’estero?

Nella cucina estera esistono diversi piatti con i fagioli e si dividono tra dolci e salati.
Il “Dorayaki” è un tipo di dolce giapponese. È composto da due pancake e riempito con una salsa dolce rossastra ricavata dai fagioli azuki, l’anko.
Un altro dolce che potremmo considerare è “habichuelas con dulce”, un tipico dolce dominicano molto famoso nel periodo di Pasqua. Questo dolce è fatto con i fagioli rossi, latte evaporato, latte condensato, guarnito con biscotti al latte, una focaccia a base di farina di yuca ed altri deliziosi ingredienti.