domenica 26 Maggio, 2024
17 C
Napoli

Articoli Recenti

spot_img

Il Duomo di Amalfi: bellezza, storia e mito in costiera

Il Duomo di Amalfi, noto anche come cattedrale di Sant’Andrea, è il luogo di culto cattolico più importante della città. La chiesa è la sede della diocesi di Amalfi-Cava de’ Tirreni ed è situata nel cuore pulsante della bellissima località salernitana, in pieno centro.

Il mito di San Francesco ad Amalfi

Secondo una leggenda San Francesco d’Assisi visitò questo luogo nel 1218, allo scopo di venerare le reliquie del santo patrono conservate nella cattedrale e rimase ad Amalfi per ben due anni. In quest’occasione fondò il Convento di Santa Maria degli angeli, che in seguito fu dedicato proprio a Sant’Antonio.

Storia del Duomo di Amalfi

La cattedrale fu costruita per ordine del duca Mansione I nel 987, accanto a quella edificata nel IX secolo. A quel tempo le due abbazie venivano officiate contemporaneamente, come accadeva in tutte le chiese paleocristiane della regione Campania. Ben presto le due strutture furono unite in un unica chiesa a sei navate in stile romanico. Dal 1266 le navate divennero cinque, per consentire la costruzione del Chiostro del Paradiso. 

Nel periodo che segue la controriforma le due chiese tornarono ad essere scisse, e la più antica divenne la basilica del Crocifisso. Il campanile della cattedrale di Sant’Andrea è stato realizzato tra il 1108 e il 1276.

La sagrestia dell’edificio ospita un’importante statua di Sant’Andrea, posta in un armadio chiamato ‘stipo’ dagli stessi amalfitani.

La cripta del Duomo e i suoi famosi affreschi

La cripta presente nel Duomo di Amalfi, costruita sulla tomba di Sant’Andrea, è decorata da affreschi preziosi, il più importante rappresenta l’arrivo delle spoglia del santo nell’abbazia di Amalfi. Sull’altare troviamo la statua di Sant’Andrea, realizzata in bronzo, da Michelangelo Naccherino.

Una cattedrale ricca di storia, nonché un luogo pieno di fascino che, ancora oggi, rende famosa la regione Campania in tutto il mondo grazie alla sua straordinaria bellezza.