18.1 C
Napoli
mercoledì, 5 Ottobre 2022

Il carrello degli italiani è più leggero : – 3,2% secondo Coldiretti

Carrello più vuoto ma aumenta la pressione sulle famiglie italiane, ecco cosa emerge sui dati dei primi mesi del 2022

Da non perdere

Il carrello delle famiglie italiane si svuota, ma la spesa finale aumenta.

Secondo Coldiretti infatti gli acquisti alimentari degli italiani calano del 3,2%, ma il portafogli non resta più pieno, anzi.

La stessa Coldiretti ha reso noto che per un carrello più vuoto la spesa finale è aumentata di oltre il 3%.

I dati rilasciati da Coldiretti riguardano i primi sette mesi del 2022 e fanno riferimento alla spesa complessiva al dettaglio.

Da questo studio emerge inoltre che a diminuire sia proprio la spesa per gli alimentari mentre il denaro solitamente utilizzato per la spesa va a finire su beni diversi.

Per  Coldiretti volano gli acquisti di cibo low cost con i discount alimentari che fanno segnare nei primi sette mesi un balzo del + 9,6% nelle vendite in valore, il più elevato nel dettaglio. Il risultato dei discount  evidenzia la difficoltà in cui si trovano le famiglie italiane che, spinte dai rincari, orientano le proprie spese su canali a basso prezzo rinunciando anche alla qualità.

Come cambia il carrello della spesa degli italiani

Stando ai dati riportati sul sito www.coldiretti.it più di un italiano su due (51%)  taglia la spesa nel carrello a causa dell’aumento record dei prezzi trascinato dai rincari energetici e dagli effetti della guerra in Ucraina che riduce il potere d’acquisto dei cittadini, emerge inoltre  che un altro 18% di cittadini dichiara di aver ridotto la qualità degli acquisti, costretto ad orientarsi verso prodotti low cost per arrivare a fine mese, mentre un 31% di cittadini non ha modificato le abitudini di spesa.

Il rischio alimentare coinvolge oltre 2,6 milioni di persone che in Italia – evidenzia Coldiretti – sono costrette a chiedere aiuto per mangiare con i pacchi dono o nelle mense di carità e rappresentano la punta dell’iceberg delle difficoltà in cui rischia di trovarsi un numero crescente di famiglie a causa dell’inflazione spinta dal carrello della spesa per i costi energetici e alimentari.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli