Il 10 agosto tutti a guardar le stelle a Montevergine Un momento molto suggestivo, come suggerisce anche il motto che intitolerà la serata: “stai comm’ o’ beato Giulio”.

10 agosto a Montevergine
10 agosto a Montevergine

Il 10 agosto, notte di San Lorenzo, sono tante le persone che si riuniscono, generalmente in spiaggia, con gli occhi fissi al cielo, auspicando di vedere qualche stella cadente.

Quest’anno, rispettando tutte le norme di distanziamento sociale e anti-assembramento, la Campania, o meglio, Montevergine, è in prima linea, con un evento importantissimo, da non lasciarsi sfuggire.

L’evento menzionato s’intitola “A guardar le stelle cadenti a Montevergine” esi preannuncia particolarmente suggestivo. 

Si tratta del secondo appuntamento del progetto intitolato: “Incontri lungo la via Campanina”, ideato ed organizzato dall’ente regionale Parco del Partenio, dalla Scabec e dalla Regione Campania.

L’interessante progetto è particolarmente importante per il turismo campano e per il settore eventi che ha bisogno di ripartire. Tutto ha avuto inizio a partire da Sant’Angelo a Scala con il concerto all’alba di Marco Zurzolo; gli eventi proseguiranno con varie tappe fino al 21 marzo 2021, tra cui quella più vicina il prossimo 10 agosto a Montevergine.

Il fine principale dell’iniziativa culturale è ovviamente rivolto all’offerta turistica, e si rifà alla possibilità di superare l’idea del turismo di massa, creando progetti che sappiano coinvolgere ed intrattenere. Un turismo si può dire “locale”, che sia lento ed emozionante e in un certo senso anomalo.

Montevergine, il 10 agosto, un appuntamento speciale

Il prossimo 10 agosto, Montevergine sarà la protagonista indiscussa di una serie di iniziative interessanti e coinvolgenti, con una proposta diversa dai canoni standard, ossia, guardare le stelle cadenti, tutti insieme.

Il programma comprende, una passeggiata a piedi lungo il sentiero religioso dei pellegrini. Una strada costellata dai cosiddetti “basoli” in pietra conduce fino a quello che ancora oggi esiste della Cappella dello Scalzatoio, dove i pellegrini lasciavano le proprie calzature per proseguire fino al Santuario a piedi scalzi (da cui il nome) per devozione alla Madonna. 

Alle ore 17, il raduno presso il Santuario, dove si potrà visitare il Museo con il direttore Emanuele Mollica. Con il sopraggiungere della sera, i presenti potranno lasciarsi emozionare dallo storytelling ispirato ad una poesia di Alfonso Gatto interpretata da Ilaria di Gaeta.

Successivamente, tutti col naso all’insù alla ricerca di una stella cadente con la quale esprimere un desiderio. 

Un momento molto suggestivo, come suggerisce anche il motto che intitolerà la serata: “stai comm’ o’ beato Giulio”.

Naturalmente, a Campo Maggiore sarà possibile pernottare con sacchi a pelo, prima di scendere di nuovo ad Ospedaletto la mattina successiva.

Un evento, quello del prossimo 10 agosto, di grande spessore che sicuramente attirerà tanti curiosi e devoti. Una proposta diversa, che sarà basata sul rispetto di tutte le norme attualmente vigenti a causa del Covid-19.

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories