4shared
5 C
Napoli
martedì, 25 Gennaio 2022

“Ickabog” per bambini, infanzia in periodo di pandemia

Da non perdere

Sulle librerie aperte durante il secondo lockdown, compare sugli scaffali il titolo che molti piccoli lettori stavano aspettando, L’Ickabog di J.K. Rowling. L’Ickabog, il nome del libro prende nome dalla misteriosa creatura che dà il titolo al nuovo libro di J.K. Rowling l’autrice di Harry Potter. Del mostro si sa che vive nelle paludi al confine del regno di Cornucopia, infatti la prima parte è ambientata lì in Cornucopia. «Le abitudini e l’aspetto dell’Ickabog cambiano a seconda di chi lo descrive». Serpente, drago, lupo o tutte e tre le cose insieme, il mostro che vive nella palude e ama la nebbia ed è il protagonista della favola della buonanotte della Rowling, la favola preferita di casa, che l’autrice ha deciso di pubblicare a puntate sul sito theickabog.com, per intrattenere i bambini durante la pandemia di Covid-19. L’Ickabog è un libro che la Rowling propone come se lo stesse leggendo ai suoi figli e in effetti il testo rappresenta in tutto e per tutto una storia che si racconta nell’oscurità delle stanzette per bambini illuminate soltanto dalla fioca luce di tremanti lampadine.Una fiaba che a dire il vero presenta molti punti in comune con la realtà che stiamo vivendo in questi mesi: un virus mostruoso, un senso di paura diffuso e che potrebbe far comodo a chi è al potere.

Per fortuna nel libro, oltre al mostro, anche questa volta ci sono dei ragazzi coraggiosi, eredi di Harry Potter ed Hermione , pronti a lanciarsi in un’avventura sorprendente. La creatura malvagia, secondo la leggenda, popola le Paludi nebbiose del Nord, oltre che i sogni di tutti, grandi e piccini. “Ickabog”, infatti, è un termine in inglese arcaico che significa “senza gloria”. A loro, i bambini, il compito di svelare la verità sulla terrificante creatura. E i ragazzi sono doppiamente protagonisti perchè a dare un aspetto a tutti i personaggi e alle ambientazioni della storia sono i disegni dei bambini da 7 a 12 anni che hanno partecipato al torneo per le illustrazioni del libro, indetto dai vari editori , da un’idea della Rowling, nei Paesi in cui è stato pubblicato,

Infine l’Ickabog è una fiaba per bambini. L’autrice, J.K. Rowling, lo precisa subito nella prefazione spiegando che se non ci fosse stata la pandemia non avrebbe probabilmente mai mandato alle stampe questo racconto. La Rowling non delude mai e  poter leggere una sua storia nuova è davvero un’emozione unica.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli