4shared
9.6 C
Napoli
giovedì, 20 Gennaio 2022

I Mondiali di nuoto rinviati al 2022

Da non perdere

I Mondiali di nuoto rinviati al 2022. Lo slittamento delle Olimpiadi di Tokyo di dodici mesi ha innescato una serie di rinvii di altri eventi.

Le olimpiadi, infatti, sono state rinviate al 2021, anno in cui  si sarebbero dovuti tenere i campionati mondiali di nuoto, che sono slittati ufficialmente al 2022.

La Federazione internazionale di nuoto, FINA, ha reso noto che le gare previste a Fukuoka dal 16 luglio al 1 agosto 2021, si terranno dal 13 al 29 maggio dell’anno successivo, sempre sull’isola di Kyushu, nel sud dell’arcipelago nipponico.

Il presidente della FINA, l’uruguaiano Julio Maglione, ha  dichiarato di aver preso tale decisione dopo aver consultato tutte le parti coinvolte.

La decisione, presa nell’interesse di tutti, offrirà in questo periodo di incertezze un po’ di chiarezza. Lo scopo è quello di far si che gli atleti possano prepararsi  al meglio all’evento olimpico. Si vuole in questo modo evitare di inficiare la preparazione alla rassegna iridata, che sarà l’evento principale del calendario agonistico del 2022.

La decisione è, in realtà, arrivata dopo attente riflessioni da parte di tutti i partner coinvolti, partite già prima dell’ufficializzazione del rinvio delle Olimpiadi di Tokjo, per poi concretizzarsi nella notizia ufficiale arrivata ieri.

Lo slittamento delle date, farà si che i campionati mondiali si disputeranno solo tre mesi prima dei campionati europei previsti per il 2022 a Roma.

Nella storia del nuoto, è la seconda volta che un campionato mondiale si terrà in primavera e non in estate come di consueto.

La prima volta era stato nel 2007 a Melbour , tra il 17 marzo e il 1 aprile. Sempre in Australia, si sono disputati campionati Mondiali di nuoto nella prima metà dell’anno, per l’esattezza a Perth nel 1991, dal 3 al 13 gennaio e nello stesso paese nel  1998 dal 8 al 17 gennaio.

I Mondiali di nuoto rinviati al 2022, la scelta che lascia spazio ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020+1, evitando così una difficile sovrapposizione tra i due principali campionati sportivi per il mondo acquatico.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli