15.2 C
Napoli
venerdì, 9 Dicembre 2022

I cinema in Campania non riaprono per ora

Da non perdere

Maria Saviano
Maria Saviano nasce ad Ottaviano, il 20 Marzo 1996. Consegue il diploma di maturità Classica, presso il liceo Armando Diaz di Ottaviano e attualmente studia, Lettere Moderne, presso il dipartimento di Lettere e Filosofia dell' Università Federico II di Napoli. Ama scrivere, leggere, ascoltare musica, fotografare. Appasionata di calcio, segue e ama la Società Sportiva Calcio Napoli.

Solo pochi giorni fa si dibatteva circa la possibilità di riaprire i cinema a condizione che fossero rispettate determinate regole. Prima tra tutte, l’obbligo di indossare la mascherina in sala durante la visione del film.

Ricordiamo comunque, che i film cosiddetti ‘nuovi’, riprenderanno ufficialmente a partire dal prossimo autunno, a causa dell’emergenza Covid e dei problemi relativi ad eventuali aggregazioni che, come ben sappiamo, sono vietate.

Dunque, il cinema è fermo, così come altri settori. Gli imprenditori del settore chiedono delle risposte al Governo, che però, per il momento, ha concesso la riapertura solo se si rispetta il decalogo di norme vigenti, nonostante le proteste.

I cinema in Campania non riapriranno almeno per ora, l‘emergenza sanitaria da covid-19 ha causato il blocco di tante attività tra cui quelle cinematografiche.

In Campania le regole restrittive imposte dal governatore Vincenzo De Luca continuano ad essere rigide.

La Fase 3 in Campania non consente l’apertura dei posti chiusi tra cui le sale da  cinema. Il settore dello spettacolo e in generale il cinema ha subito un duro colpo.

Per quanto riguarda i cinema all’aperto, essi sono stati riaperti lo scorso 8 giugno con una ordinanza del presidente Vincenzo De Luca.

Una ripartenza che sin dall’inizio non si è annunciata semplice, soprattutto per le tante sale cinematografiche chiuse e i conseguenti danni economici.

Ora, durante questa Fase 3 di apparente ritorno alla normalità, alcune regioni decidono di riaprire tutto e altre come la Campania, no.

Dunque, quel “ventaglio di offerte varie per i bambini a carattere ludico ricreativo”, con cartoni, film e quant’altro, motivo di svago non solo per i più piccoli ma anche per gli appassionati di cinema, in Campania non sventolerà ancora.

 

image_pdfimage_print

Ultimi articoli