10.6 C
Napoli
domenica, 29 Gennaio 2023

I 20 anni di Emergency

Da non perdere

Deborah Santorohttps://www.21secolo.news
Laureanda in Archeologia e Storia delle Arti presso l’Università Federico II di Napoli, ama riportare alla luce la storia dei luoghi del passato, senza tralasciare miti e leggende, considerate parte importantissima della cultura popolare. Amante delle arti culinarie, si diletta ai fornelli. Crede nel giornalismo al servizio della verità e ad essa si presta.

“E oggi Emergency compie vent’anni. Vent’anni dal giorno in cui abbiamo chiamato un po’ di amici, e gli amici degli amici, per presentare un’idea che sembrava un’utopia: fondare un’organizzazione per le vittime di guerra, delle mine e della povertà, curare tutti, curarli bene, curarli gratis, andare a portare aiuto dove non c’erano altre possibilità di essere aiutati. Quella sera, grazie a tutti quelli che hanno voluto credere in questa utopia, abbiamo raccolto i primi soldi e ci siamo preparati per la prima missione di Emergency, nel Ruanda del genocidio.” con queste parole l’attuale Presidente di Emergency Cecilia Strada annuncia i ringraziamenti a chi, nel corso degli anni, ha reso possibile la realizzazione del grande progetto avviato da suo padre, Gino Strada, e delle madre Teresa Sarti nel lontano 1994.

Emergency, associazione umanitaria fondata a Milano nel 1994 con lo scopo di portare aiuto alle vittime civili della guerra e della povertá, sin dalla sua fondazione è impegnata nella promozione di valori di pace e non pochi sono stati i risultati raggiunti grazie alle innumerevoli campagne di cui essa si è fatta portavoce. Nello stesso anno in cui nasce, Emergency riesce a condurre l’Italia verso la messa al bando delle mine antiuomo. Nel 2001, poco prima dell’inizio della guerra in Afghanistan, l’associazione invita gli italiani ad esprimere il proprio ripudio alla guerra mentre nel 2002 lancia la campagna Fuori l’Italia dalla guerra affinché l’Italia non prendesse parte ai combattimenti contro l’Iraq. Nel Giugno del 2003, grazie all’organizzazione di una raccolta di firme, Emergency riesce a depositare alla Camera dei Deputati una legge di iniziativa popolare, Norme per l’attuazione del principio del ripudio della guerra sancito dall’art. 11 della Costituzione e dello statuto dell’ONU.

L’associzione è stata giuridicamente riconosciuta quale ONLUS nel 1998 e quale Organizzazione non Governativa nel 1999. Nel corso degli anni Emergency si è ampliata su scala internazionale e oggi esistono Emergency Usa, Emercency UK, Emergency Japan, Emercency Belgium, Emergency Hong Kong e la Fondazione Emergency Svizzera. Inoltre, dal 2006 Emergency è partner ufficiale del Dipartimento della Pubblica Informazione dell’ONU.

Il prossimo 19 Maggio Rai1 trasmetterà la partita di beneficenza che si giocherà allo Stadio Artemio Franchi di Firenze tra la nazionale italiana cantanti e il team di Emergency che vedrà in campo, oltre allo stesso Gino Strada, Francesco Toldo, Edoardo Leo, Paolo Bonolis, Francesco Giorgino, Ringo Dj, Riccardo Scamarcio, Luca Zingaretti, Giancarlo Antognoni, Cristiana Capotondi, Simone Barbato, Rocco Ciarmoli, Giuliano Palma, Davide Paniate, Davide Oldani, Giovanni Veronesi, Claudio Bisio, Gianni Cinelli, Federico Basso, Dario Vergassola e i medici e gli infermieri di Emergency. La squadra sarà allenata da Roberto Baggio e i fondi raccolti saranno destinati al Programma Italia di Emergency e al Centro di Cardiochirurgia Salam in Sudan.

In occasione della partita del cuore, fino al 20 Maggio sarà attivo un numero solidale per sostenere attraverso piccole donazioni volontarie le attività di Emergency, la quale dalla sua nascita ad oggi ha curato oltre 6 milioni di persone in 16 diversi paesi del mondo grazie anche al contributo di tutti coloro che hanno creduto nel progetto e ancora continuano a crederci.

image_pdfimage_print
Articolo precedenteApprovato il Decreto Lavoro
Prossimo articoloIl rap entra a teatro

Ultimi articoli