Henry Ford: il 15 agosto cambiò radicalmente la propria vita Il 15 agosto del 1899 Henry Ford decise di lasciare l’incarico di ingegnere capo alla Edison Illuminating Company per diventare sovrintendente meccanico della sua prima compagnia automobilistica, la Detroit Automobile Company.

Henry Ford: pioniere dell'automobile
Henry Ford: pioniere dell'automobile

Il 15 agosto del 1899 Henry Ford decise di lasciare l’incarico di ingegnere capo alla Edison Illuminating Company per diventare sovrintendente meccanico della sua prima compagnia automobilistica, la Detroit Automobile Company. 

La Detroit Automobile Company, fu il primo prototipo di azienda nata mediate aiuto da parte di altri investitori. Nonostante la bancarotta, avvenuta nel 1903, Ford riuscì a risollevare la situazione economica dell’azienda, costituendo successivamente la Ford Motor Company.

Ricordiamo che Henry Ford fu un grande uomo d’affari, fondatore della famosissima multinazionale che porta ancora oggi il suo cognome.

Nonostante Henry Ford inizialmente possedesse solo alcune delle quote dell’azienda, dopo poco tempo, attirò l’attenzione dell’industriale del carbone Alexander Malcomson, il quale gli propose di entrare in affari con lui.

Dal 1903, anno di nascita della Ford Motor Company, l’obiettivo primario dei due imprenditori, fu quello di scendere in campo nel business della produzione automobilistica avvalendosi del supporto di una dozzina di investitori.

Il 23 luglio dell’anno dopo, nacque il primo prototipo della Model A, scelto per inaugurare l’attività della nuova azienda. Le automobili prodotte dalla Ford Motor Company erano modelli di nicchia, non delle semplici utilitarie e nascevano da un’idea particolarmente dettagliata, che piaceva molto agli azionisti ma non a Henry Ford; proprio a causa di ciò, nel 1907 egli decise di attuare una riduzione della produzione, una scelta azzardata per le banche e quindi dal punto di vista economico, ma che in seguito si dimostrò determinante per salvare l’azienda.

Le automobili di Ford come prototipo dei “veicoli” di crescita 

Un aspetto importante nella produzione delle automobili pensate e create da Ford, è l’utilizzo della cosiddetta “catena di montaggio”, che permetteva tempi ridotti e operai non oberati di lavoro.

Inoltre, aspetto ancor più importante, è dato da quello che oggigiorno può essere definito un “Bonus”, che mensilmente ogni operaio riceveva, grazie al quale s’impegnava a fare sempre meglio. 

Dopo aver illustrato gli aspetti alla base della scelta di Henry Ford, si può sicuramente affermare che la decisione, presa dal pioniere delle automobili, il 15 agosto del 1899, di lasciare l’incarico di ingegnere capo alla Edison Illuminating, fu la scelta giusta, nonostante gli intoppi iniziali di natura economica.

Quel modo di gestire un’azienda, tutt’ora leader nel settore automobilistico, costituisce un pezzo di storia, un tassello importante dal punto di vista prettamente economico ed imprenditoriale.

Ford è considerato il “padre dell’automobile”, e ricordarlo, oggi 15 agosto, è un tributo di notevole rilevanza, soprattutto se si pensa ai tanti progressi che il settore automobilistico ha vissuto nel corso degli anni.

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories