4shared
3.4 C
Napoli
martedì, 25 Gennaio 2022

HangarBicocca: con Chen Zhen al centro la transesperienza

Da non perdere

Gilda Caccavale
1996 - Laureata e specializzanda in scienze politiche. Da sempre appassionata di scrittura nella sua potenzialità di condividere e trasferire sottili intuizioni e prospettive, o irripetibili combinazioni dell'essere. Fermare la "visione" significa assistere l'evoluzione, e m'illumina d'immenso!

É nella Pirelli HangarBicocca di Milano che da domani 15 ottobre, sino al 21 febbraio del 2021, con la mostra ‘Short-Circuits’ ci sarà l’esposizione delle opere di Chen Zhen, artista cinese della Grande rivoluzione culturale.

La mostra in programma da domani 15 ottobre che avrà luogo nel quartiere Bicocca di Milano sino al giorno 21 febbraio 2021, vedrà esposte più di venti istallazioni realizzate dall’artista cinese negli anni che vanno dal 1990 al 2000 e sarà a cura di Vicente Todolì.

L’artista nasce a Shanghai nel 1955, e diventa uno dei primi artisti cinesi di istallazioni. Partendo da una formazione artistica che lo vede certamente incanalato in quella che era la Grande rivoluzione culturale, nel 1986 comincia lavorare in occidente partendo da Parigi, poi Londra, New York, fino ad arrivata in Italia, in particolare in Toscana.

Così al centro delle sue rappresentazioni diviene quasi naturale la manifestazione di tutto ciò che è incontro tra tradizionale e rottura col passato, classico e moderno, cultura orientale ed occidentale con un vero e proprio incontro tra i due mondi, mettendo al centro l’essere umano e il suo rapporto con la società dei consumi e la natura come mezzo e oggetto di contemplazione.

Il concetto al centro del suo percorso è quello della “transcultura” e accanto ad essa la “transesperienza”, ovvero qualcosa che sia appunto oltre la cultura e in un spazio trascendentale di “contrasto tra le varie esperienze” che spiega attraverso tre concetti: Residenza, viaggiare in altri luoghi cercando di comprendere le diverse culture e tradizioni; Risonanza, trovare una sorta di sincronia con la cultura locale; Resistenza alle influenze di quella nuova cultura (wikipedia).

Tra le opere che sarà possibile ammirare vi saranno Jue Chang, Dancing Body-Drumming Mind, e più vicina al tema del consumismo ‘Fu Dao/Fu Dao, Upside-Down Buddah/Arrival at Good Fortune’.

Le parole del direttore artistico: “per Chen Zhen, scoprire di essere affetto da una malattia incurabile è stata un’epifania. Da quel momento ha messo nelle sue opere tutte le sue riflessioni su questo tema” (…) “Quando due culture così diverse si incontrano, è come un big bang. É così che nasce la creatività”.

 

 

image_pdfimage_print

Ultimi articoli