Grillo e il referendum #fuoridalleuro

fuoridalleuro campania_referendum_vincenza papa_21 secolo
fuoridalleuro campania_referendum

fuoridalleuroIl 13 dicembre inizierà in tutta Italia la raccolta firme per la legge di iniziativa popolare che, se andrà a buon fine, porterà nel dicembre 2015 gli italiani alle urne per esprimere la loro volontà sull’uscita dall’euro con il referendum consultivo.

Beppe Grillo sul suo blog commenta la moneta attuale così: “L’euro è insostenibile perché disegnato su misura per la Germania e le oligarchie finanziarie. Dentro questa gabbia non è possibile nemmeno reagire e spezzare il circolo vizioso perché all’Italia manca sovranità monetaria e di spesa per rilanciare domanda, lavoro e investimenti”.

Il leader Cinque Stelle nella conferenza stampa di ieri, tenutasi per presentare il referendum #fuoridalleuro, ha commentato anche i temi maggiormente presenti nei quotidiani in queste settimane.

Elezioni Capo dello Stato
“Per l’elezione del prossimo presidente della Repubblica ripeteremo le quirinarie, votando, scegliendo delle persone, abbiamo fatto una serie di constatazioni e votato una persona non del movimento, Rodotà. Noi faremo questo procedimento, poi se si fa il nome di una persona che non viene dai partiti e non ha incarichi strani, considerevole, perbene, non abbiamo nessun problema a votarla – aggiunge Grillo – ma deve essere al di fuori dal pantano, da questo pantano”.

Mafia Capitale
“La telefonata di Salvatore Buzzi che parla con Massimo Carminati è per noi un motivo di orgoglio, afferma Grillo. Quando alle elezioni abbiamo preso il 25%, Carminati dice: ‘Grillo è riuscito a distruggere il Pd, non ci siamo più’. A Roma stanno succedendo cose che si sapevano da anni. Qui non bisogna commissariare o sciogliere il comune, ma sciogliere i cittadini. Siamo l’unica struttura politica integra, siamo geneticamente diversi. La parola mafia depista: ci ricorda qualcosa che non esiste più. Oggi esistono associazioni mafiose fatte da banchieri, commercialisti, politici, magistrati e poliziotti”.

Referendum #fuoridalleuro
I pentestellati Airola, Sorial, Castelli e Lezzi presentano il referendum #fuoridalleuro. Il 13 dicembre in tutte le piazze italiane partirà la raccolta firme che durerà 6 mesi. Per poter depositare la legge di iniziativa popolare in Parlamento sono necessarie 50.000 firme.

Le ragioni del referendum (clicca sulle foto per ingrandirle)

 

Print Friendly, PDF & Email

Collaboratore XXI Secolo.

more recommended stories