16.7 C
Napoli
sabato, 3 Dicembre 2022

Google Maps, una risorsa contro il Covid: tutte le novità

Da non perdere

Anna Borriello
Scrivo per confrontarmi col mondo senza ipocrisie e per riflettere sul rapporto irriducibile che ci lega ad esso.

In occasione dell’evento Search On 2020, trasmesso in streaming e organizzato da Google, l’azienda ha annunciato molte novità per la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo. A colpire, oltre ai progressi effettuati nel campo dell’AI, acronimo d’intelligenza artificiale, gli aggiornamenti di Google Maps, legati alle necessità di contenimento della pandemia da Covid-19.

Oltre alla capacità di calcolare il grado di affollamento di un luogo, Google Maps sarà presto in grado di dare indicazioni sul numero di casi presenti nella zona su cui si effettua una ricerca. Tutto ciò con lo scopo di aiutare l’utente a rispettare le norme di distanziamento sociale e tutelarsi nel modo più efficace.

A breve, quest’aggiornamento sarà disponibile per gli utenti iOS, Android e desktop di tutto il mondo.

Google Maps contro il Covid: come il servizio si avvicina alle necessità degli utenti

Come, quindi, il colosso di Mountain View ha migliorato i suoi servizi? Com’è possibile che riesca a calcolare il grado di affollamento di un luogo? Nel corso della conferenza Search On 2020 in streaming ciò è stato spiegato nel dettaglio.

Infatti, Google utilizzerà i dati anonimi sulla posizione degli utenti che hanno acconsentito al loro uso per calcolare il grado di affollamento di un luogo. Queste informazioni sull’affollamento sono in realtà già disponibili dal 2016, ma per luoghi circoscritti e molto frequentati. Tra i mesi di marzo e maggio l’utilizzo di queste informazioni è aumentato di più del 50%. l’azienda ha, quindi, ritenuto opportuno espandere il servizio a milioni di luoghi nel mondo. 

Nel corso della conferenza l’azienda ha annunciato: “abbiamo ampliato le informazioni sull’affollamento in tempo reale a milioni di luoghi in tutto il mondo e siamo sulla buona strada per aumentare la copertura globale di cinque volte rispetto a giugno 2020“. Questo ampliamento riguarderà per lo più luoghi pubblici e all’aperto, come spiagge e parchi. Il servizio sarà presto utilizzato anche per attività di commercio essenziali come farmacie, distributori di benzina ed alimentari.

Per rendere il tutto ancora più accessibile all’utente le informazioni saranno visibili direttamente sulla mappa di Google Maps. Non sarà necessario ricercare la zona d’interesse, basterà scorrere la mappa.

Ulteriori novità per contrastare la pandemia

A breve, saranno previste altre utili informazioni per chi utilizza il navigatore in realtà aumentata. Anche in questo caso, l’azienda della Silicon Valley punta a restare al passo con questi tempi difficili. Un servizio molto utile di cui l’azienda ha parlato nel corso della conferenza, è la possibilità di vedere in anticipo le misure sanitarie adottate dal luogo d’interesse.

La tecnologia, sempre al passo coi tempi, si muove con noi. Utile strumento per l’uomo fin dai suoi esordi, in questo caso si dimostra una risorsa non sottovalutabile contro il virus.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli