4shared
12 C
Napoli
giovedì, 27 Gennaio 2022

Google Fi, novità ed indiscrezioni

Google Fi, nuovo gestore telefonico di casa Google inizia questo nuovo anno con delle ottime novità. A breve il lancio del servizio anche in Italia.

Da non perdere

Emanuele Marino
Giornalista pubblicista, nonché studente universitario iscritto alla facoltà di Lettere Moderne presso l'Università degli studi di Napoli Federico II

Google ha lanciato una nuova sfida diventando un operatore virtuale, provvisto di regolare licenza rilasciata dall’Unione Europea.

La EUIPO (European Union Intellectual Propoerty Office) ha rilasciato la licenza all’azienda di Mountain View, che sta adesso adoperandosi per portare anche in Europa Google Fi.
Il progetto Google Fi nasce da una diretta conseguenza del Project Fi, lanciato da Google nel 2015 con l’obiettivo di diventare un operatore telefonico negli Stati Uniti.

Project Fi è nettamente differente dai classici operatori italiani.

Esso so basa, infatti, interamente su un complicato sistema di hotspot Wi-Fi tramite i quali è possibile effettuare chiamate, inviare SMS e connettersi alla rete dati.

Negli Stati Uniti, nazione di lancio di Google Fi, sono stati installati oltre due milioni di hotspot Wi-Fi anche grazie all’aiuto degli altri operatori telefonici, Sprint, T-Mobile, US-Cellular.
Il 2019 è iniziato da pochissimi giorni, ma Google stupisce già i suoi clienti adottando lo standard RCS per la messaggistica, in sostituzione dei tradizionali SMS.

Con RCS si semplifica la condivisione di contenuti multimediali, la ricezione di notifiche di lettura, la verifica dello stato online dell’interlocutore e l’invio di messaggi tramite WiFi, senza costi aggiuntivi.

La funzionalità innovativa del servizio è stata avviata dal giorno 14 gennaio 2019, per poterne usufruire sarà necessario installare l’applicazione sviluppata da Google, Messaggi, nata com il nome di Messaggi Android.

Successivamente bisogna impostarla come applicazione predefinita per la gestione dei messaggi ed attivare i servizi RCS.
Ottime notizie anche per chi utilizza Google Fi all’estero, dato che 33 tra gli oltre 200 paesi stranieri supportati dal servizio, potranno presto godere del servizio con la connettività 4G LTE, ottenendo quindi una maggiore velocità di navigazione.

Compare tra i Paesi supportati anche l’Italia, insieme a numerosi altri Paesi europei.
Il colosso di Mountain View ha annunciato di avere altre novità che saranno svelate nel corso di questo 2019.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli