10.5 C
Napoli
lunedì, 30 Gennaio 2023

Gli animali, un anno dopo il primo lockdown, cosa accade?

Conseguenze negli animali domestici e non della pandemia

Da non perdere

Mentre quest’anno pandemico ci ha spinto fisicamente più lontano l’uno dall’altro, ci ha avvicinato agli animali.

I rifugi per cani e gatti hanno subito un salto record nelle adozioni di animali domestici in quanto così tante persone si sono ritrovate a lavorare da casa, improvvisamente tagliate fuori dalla vita sociale ma appena in grado di dedicare tempo e cura a un nuovo compagno. Stiamo anche trascorrendo più tempo all’aperto, godendoci la natura e la fauna selvatica come tregua dal nostro aumento del tempo sullo schermo.

Il Covid-19 ha colpito anche l’industria del confezionamento della carne, serrando i macelli dove il virus si è diffuso a fuoco selvaggio, facendo sì che molti agricoltori  pratichino l’eutanasia disumanamente su intere mandrie di maiali e stormi di polli senza un posto dove andare, mettendo in mostra la triste realtà del nostro sistema alimentare industriale agricolo.

Vediamo come si è evoluto il rapporto con gli animali con il Covid-19

Sembrava quindi un momento maturo per un esame del nostro rapporto con gli animali, quelli dei nostri sistemi alimentari, quelli delle nostre case e persino gli animali selvatici, quelli profondi nelle foreste e nelle giungle su cui potremmo non mettere mai gli occhi. Con il supporto di Animal Charity Evaluators, un’organizzazione che ricerca quali interventi, e quali enti di beneficenza, sono nella posizione migliore per aiutare gli animali, il Tema Animali del Clou esamina tutto, da un nuovo motivo per riconsiderare quali animali proteggiamo a come l’allevamento industriale può devastare paesaggi ed economie rurali.

La proprietà degli animali domestici è meglio descritta come una relazione benevola e reciproca, ma la nostra ricerca di cani sempre più tagliati e insoliti potrebbe essere la disfatta delle razze che adoriamo. Prendiamo, ad esempio, la frenchie, amata da celebrità e grandi sul ‘Gram. Quest’anno, è diventata la seconda razza di cani più popolare in America: le registrazioni per il cagnolino tozzo, dalla faccia piatta e facilmente addestrato in casa sono aumentate straordinariamente nell’ultimo decennio. Ma pochi cani sono anche altrettanto malsani. Esploriamo cosa succede quando un cane diventa un oggetto aspirazionale.

Il movimento per i diritti degli animali si concentra da tempo sull’aiuto agli animali sfruttati dall’uomo: quelli da allevamento, quelli allevati per la pelliccia, altri utilizzati per i test, animali in via di estinzione minacciati dai bracconieri. Nel frattempo, il movimento ambientalista si è preoccupato di preservare gli habitat degli animali al fine di salvare le specie. Ma un gruppo di filosofi e zoologi si chiede se gli esseri umani debbano fare di più per proteggere tutte le creature dai predatori e dalle malattie , per prendersi cura se gli animali selvatici vivono una vita buona, felici e liberi dal dolore.

Covid-19 ha reso evidente che viviamo in un mondo interconnesso in cui un animale infetto, intelligente o meno, può capovolgere tutte le nostre vite. Quindi, stiamo usando il giusto metro di valutazione quando decidiamo quali animali vale la pena proteggere?

E infine, quelli domestici che abbiamo adottato in massa durante la quarantena significano più cibo, più scatole di consegna e un impatto ambientale scioccante. Un fumetto guarda l’impronta di carbonio della proprietà del nostro animale domestico, e cosa possiamo fare al riguardo.

 

image_pdfimage_print

Ultimi articoli