10.5 C
Napoli
lunedì, 30 Gennaio 2023

Giugliano: operazione ad alto impatto, 21 arresti

Da non perdere

Nel pomeriggio di ieri, giovedì 4 febbraio, i carabinieri della Compagnia di Giugliano hanno portato a termine un’operazione ad alto impatto che ha condotto all’arresto di 21 persone e alla denuncia in stato di libertà di altre 36. Gli uomini schierati contro la criminalità del territorio giuglianese sono stati ben settanta, più i rinforzi della Compagnia d’intervento operativo del reggimento “Campania”. Lo straordinario intervento delle forze dell’ordine nelle aree problematiche ha permesso di arrestare diversi spacciatori, ladri e non solo.

A finire in manette:

Giuseppe Granata, trentottenne di Marano di Napoli già noto ai carabinieri, accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Sottoposto all’obbligo di presentazione presso i carabinieri di Marano, i suoi atteggiamenti hanno finito con l’insospettire i militari della caserma che sono ricorsi all’aiuto dei colleghi per perquisire il sospettato: aveva con sé 33 grammi marijuana suddivisa in dosi e 290 euro in banconote di piccolo taglio, probabile ricavato della vendita di stupefacenti. Nel corso della perquisizione della sua casa sono stati rinvenuti altri 500 grammi di hashish e 120 grammi di marijuana.

Giovanni Riccio, ventiquattrenne di Pozzuoli anch’egli già noto, sorpreso nell’atto di cedere delle dosi di cocaina a due giovani. Dopo aver perquisito il giovane, gli uomini della Compagnia di Giugliano hanno scrupolosamente controllato l’auto dello spacciatore, rinvenendovi 35 bustine di cellophane contenenti altrettante dosi di marijuana per un totale di 50 grammi e 20 euro, probabile provento dello spaccio.

Salvatore Cesario, quarantatreenne di Villaricca: nella sua abitazione gli inquirenti hanno trovato un chilo e 145 grammi di cocaina purissima, per un valore di circa 40mila euro.

Filippo Caianiello, quarantaquattrenne di Mugnano: nascondeva in casa quasi 77 grammi di hashish, un bilancino di precisione e bustine di cellophane per il confezionamento.

Giuseppe Pillari, trentaseienne di Sant’Antimo, bloccato immediatamente dopo aver rubato una Fiat Grande Punto. Anche il suo complice è stato denunciato.

Gennaro Pezzurro, trentatreenne di Giugliano in Campania, aveva rubato una Fiat Panda a Villaricca, ma è stato preso dopo essere stato coinvolto in un incidente stradale.

Oltre loro, sono state arrestate diverse persone per non aver rispettato i vincoli degli arresti domiciliari e sono state denunciate in stato di libertà più di trenta persone per furto di acqua tramite allaccio abusivo alla rete idrica, truffa, ricettazione, introduzione e commercio di materiale contraffatto, furto aggravato, detenzione e vendita illegale di sigarette di contrabbando, violazione foglio di via obbligatorio dal comune, guida senza patente e guida in stato di ebbrezza alcolica.

Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati 361 pacchetti di sigarette e 216 capi di abbigliamento oltre che, naturalmente, tutte le sostanze stupefacenti rinvenute.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli