7.6 C
Napoli
domenica, 29 Gennaio 2023

Giornata mondiale dei carabinieri, un corpo importante

Fondata il 13 luglio 1814, l'arma dei Carabinieri da sempre svolge un ruolo essenziale per il mantenimento dell'ordine e della sicurezza

Da non perdere

Eva Maria Pepe
Laureata in Lettere classiche, ama l'arte, la letteratura, i viaggi. Il suo più grande sogno è diventare scrittrice.

Il 13 luglio 1814 nasceva l’Arma dei Carabinieri. Il primo ad istituire a Torino il Corpo dei Carabinieri reali fu proprio il sovrano del regno sardo piemontese Vittorio Emanuele I. Il 13 luglio  è la giornata mondiale dedicata ai Carabinieri. Dopo tutti questi anni, i Carabinieri sono ancora un corpo importantissimo per la lotta al crimine e il mantenimento dell’ordine pubblico.

Giornata mondiale dei Carabinieri: i carabinieri reali

I Carabinieri reali avevano principalmente una doppia funzione : difendevano lo Stato e tutelavano la sicurezza pubblica. Armati di carabina e per questo chiamati appunto carabinieri, questi uomini sono stati il primo corpo dell’armata sarda, ampiamente diffuso su tutto il territorio. La loro uniforme inizialmente era turchina, guarnita di alamari d’argento. Questi uomini indossavano un cappello a due punte, chiamato lucerna. Dal 1883 il cappello aveva un pennacchio blu e rosso, due colori ancora oggi ricorrenti nella simbologia di questo corpo speciale.

Il rosso e il blu: due colori importanti

Il rosso indica l’audacia, il sacrificio, mentre il blu rappresenta la fedeltà, l’amor di patria e la giustizia. Queste uniformi più antiche non vengono utilizzate più nel lavoro quotidiano ma solo in occasioni speciali e solenni.

Giornata mondiale dei carabinieri: le ricompense alla Bandiera

Dalla sua costituzione ad oggi, l’arma hanno sempre mantenuto saldi i principi dell’audacia e della fedeltà, proteggendo il popolo italiano in situazioni talvolta molto difficili. Il servizio di queste persone è testimoniato dalle 48 ricompense alla Bandiera e dalle migliaia di decori individuali e non. Per questo motivo l’arma viene identificata come “la Benemerita“.

Il motto araldico

Il motto araldico “Nei secoli fedele” è la prova della fedeltà che i carabinieri hanno nei confronti della repubblica italiana. Inizialmente contrassegno antonomastico del Capitano Fusi, il motto è diventato ufficiale nel 1932, grazie ad una legge che sancì a l’uso dei motti araldici ai corpi dell’esercito.

Lo stemma araldico

Dopo quella legge, nel 1935, nacque lo stemma araldico dell’arma dei carabinieri. L’ultima versione dello stemma, risalente al 2002, è esattamente la sintesi di tutti gli stemmi precedenti. La fedeltà è al centro della marcia d’ordinanza “La Fedelissima”. L’anniversario della fondazione dell’arma è il 5 giugno. La data da riferimento al 5 giugno 1920, quando i Carabinieri ricevettero la prima medaglia d’oro al valore militare alla Bandiera.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli