25.7 C
Napoli
lunedì, 4 Luglio 2022

Fuga da New York con evasione da “film”

Da non perdere

Sembra un soggetto cinematografico che seguendo la scia di film di successo come Fuga da Alcatraz o Papillon, racconta di un eroico tentativo di fuga da un carcere di massima sicurezza. Ma stavolta non si tratta di un film: l’episodio, realmente accaduto nella notte tra il 5 e il 6 giugno, non ha come protagonista Clint Eastwood ma due detenuti dai nomi non certo famosi ma con curriculum penali di tutti rispetto.

Richard Mat - David Sweat_21secoloRichard Matt e David Sweat, nomi che da qualche giorno stanno facendo tremare l’opinione pubblica americana, erano ‘ospiti’ del reparto di massima sicurezza del Clinton Correctional Facility a Dannemora, nello Stato di New York. In modo alquanto spettacolare, l’evasione è stata realizzata con il tradizione buco nel muro e seguendo una serie di tunnel, i due uomini si sono trovati fuori la struttura della prigione, uscendo da un tombino. Il piano è stato organizzato nei minimi dettagli: i due detenuti hanno utilizzato trapani elettrici per fare il buco con cui si sono riappropriati della loro libertà e alle 5,30 del mattino le guardie incaricate del controllo di routine nelle celle, hanno scoperto che i letti erano stati riempiti con vari oggetti per dare l’impressione di trovarsi ancora sotto le lenzuola. Il tutto suggellato da un ironico biglietto con scritto “have a nice day“. Un evento unico nel suo genere; a partire dalla sua costruzione nel 1865, nessuno aveva osato e potuto evadere dal Clinton Correctional Facility. E tutto è avvenuto in modo apparentemente semplice, che costringe a interrogarsi su come abbiano potuto due detenuti avere nelle loro celle trapani e attrezzi pesanti e utilizarli senza destare il minimo sospetto. La polizia è oggi impegnata in una starordinaria caccia all’uomo, seguendo il percorso aperto dai due evasi, che non coinvolge soltanto le forze federali ma anche i reparti delle forze dell’ordine canadesi per prevenire la più che probabile fuga dal paese. I due most wanted a cui si guarda con un misto di ammirazione e timore, hanno ormai catalizzato l’interesse dei principali network statunitensi e la rabbia della polizia che non riesce ad essere sulle loro tracce. Le cose potrebbero ovviamente complicarsi nel caso i due detenuti vengano trovati. Richard Matt e David Sweat dovranno infatti aggiungere altri anni a quelli che ancora avevano da scontare nel carcere di massima sicurezza di New York. Omicidi e rapine nel loro passato, ma per Matt vi era la possibilità di ottenere la condizionale e veder dunque diminuita la pena. Sweat invece stava scontando una condanna all’ergastolo senza possibilità di ottenere la condizionale per l’omicidio di uno sceriffo nel 2002.

Non resta che attendere l’esito di questa cinematografica vicenda che ha per trama la rocamboesca fuga di due pericolosi criminali e allo stesso tempo, la conquista della libertà.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli