Friday For Future: in migliaia a Napoli

Il movimento di Friday For Future torna in piazza in 160 città italiane con la sua terza manifestazione.

Secondo il dato fornito da Gianfranco Mascia di Friday For Future, sono oltre un milione i partecipanti ai cortei in tutta Italia.

Circa 100 mila i giovani scesi a Napoli oggi per prendere parte alla manifestazione di Friday For Future.

I manifestanti hanno dato vita ad un corteo colorato lungo un chilometro e mezzo. Il corteo si è mosso da piazza Garibaldi, e sarebbe dovuto giungere in piazza Dante. Vista la grande partecipazione è stata però cambiata la destinazione del corteo. Con l’autorizzazione delle forze dell’ordine i manifestanti hanno così proseguito verso il MANN e piazza Cavuor.

Sullo striscione che ha aperto il corteo si poteva leggere “Dalla Terra dei Fuochi all’Amazzonia. Cambiamo il sistema, salviamo il pianeta”.

Sin dalla mattinata sono state stracolme le corse di treni e bus che dai comuni dell’hinterland hanno condotto nel capoluogo gruppi di giovani e giovanissimi. Anche i bambini presenti tra le migliaia di persone che hanno voluto lanciare un appello a chi governa.

Striscioni, bandiere e musica per affermare la mobilitazione contro i mutamenti climatici. Alcuni slogan sono stati “Non rompeteci il futuro” e “La Terra è una sola”.

Particolare attenzione inoltre è stata mostrata verso la Terra dei Fuochi, la zona tra le province di Napoli e Caserta spesso in primo piano per l’emergenza ambientale dovuta ai roghi tossici.

A dirlo anche i giovani protagonisti di questa giornata. “A Napoli questa marcia ha un valore diverso: oltre a vivere il disastro del cambiamento climatico, siamo una regione che brucia da oltre 20 anni. Dalla Terra dei Fuochi all’Amazzonia sappiamo chi sono i responsabili. Il problema è il sistema e la risposta arriverà da questa generazione: siamo noi giovani contro i potenti del mondo” afferma Gianmarco Silvano, di Friday for future Napoli.

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories