4shared
4.3 C
Napoli
martedì, 25 Gennaio 2022

Fontana di Diana e Atteone: il mito alla Reggia di Caserta

La fontana di Diana e Atteone, una delle meraviglie della Reggia di Caserta, è legata ad un mito molto interessante sconosciuto ai più. Totalmente immersa nel verde e posta ai piedi della cascata, la fontana rappresenta una delle bellezze artistiche più importanti del parco vanvitelliano

Da non perdere

Tra le tante meraviglie ospitate dalla reggia di Caserta, salta all’occhio l’elaborata fontana di Diana e Atteone, posta ai piedi della cascata.

La storia della fontana di Diana e Atteone

La fontana, completamente immersa nel verde, mostra Diana, dea della caccia, il cui culto tradizionalmente è molto diffuso nella provincia di Caserta, ricca di boschi e di alberi rigogliosi. Vi è un tempio, consacrato in nome della divinità romana, nota con il termine “tifatina”, dalle cui rovine sorge la Basilica di Sant’Angelo in Formis.

La scena, realizzata da Paolo Persico, Pietro Solari e Angelo Brunelli, mostra Diana intenta a fare un bagno in compagnia delle sue ninfe. Atteone viene scoperto dalla divinità mentre spiava le sue nudità. Per punizione, l’uomo subisce la trasformazione in cervo ed è condannato ad essere sbranato dai suoi stessi cani.

Il mito di Diana e Atteone

Il mito di Atteone ha origine nella cultura Greca, secondo la quale, Il cacciatore si era imbattuto per errore nella Dea (Artemide per i Greci). Il maleficio, scagliato da quest’ultima, non fu una vera e propria punizione ma un modo per evitare che Atteone potesse riportare l’accaduto.

A fare da contesto all’incontro, testimoniato da figure immutabili, vi è la Cascata, un elemento che rappresenta la vita e la purificazione; con la sua grandezza conferisce importanza alla scena, alla quale si uniscono innumerevoli altre statue.

Nei pressi della cascata è possibile osservare due particolari. Sulla balaustra situata sul versante Ovest, alla fine del prato antistante la Cascata, è presente una piccola Meridiana. L’utilizzo  di quest’ultima era fondamentale in un tempo in cui gli orologi non erano diffusi. Su una delle statue, posizionate sulla medesima balaustra, è visibile la firma dell’autore Andrea Violani e l’anno di realizzazione, ovvero il 1788.

La fontana di Diana e Atteone è una delle ricchezze artistiche dello straordinario parco della reggia vanvitelliana, dove storia, mito e bellezza formano un connubio perfetto, regalando allo spettatore un’esperienza unica nel suo genere.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli