16.7 C
Napoli
sabato, 3 Dicembre 2022

Follia in spiaggia, arrestato l’uomo che ha sparato alla ex

Da non perdere

Eva Maria Pepe
Laureata in Lettere classiche, ama l'arte, la letteratura, i viaggi. Il suo più grande sogno è diventare scrittrice.

Antonio Abagnale, 65 anni, è stato arrestato per aver sparato due colpi di pistola alle gambe di una donna incensurata, 55 anni. La follia è avvenuta nei pressi della spiaggia di Seiano (Vico Equense). La caccia all’uomo è durata circa 24 ore. Ore concitate, in cui le forze dell’ordine hanno setacciato tutta la zona.

Dopo circa un giorno dall’accaduto i Carabinieri della compagnia di Sorrento coadiuvati dal comando di Vico Equense hanno ricostruito la follia di giovedì pomeriggio.

La follia

La donna, una professoressa di 55 anni, divorziata, era stata convinta da Abagnale, il suo ex-amante, coniugato, ad incontrarsi per l’ultima volta. Sembra che il rapporto tra i due fosse terminato da tempo. L’uomo era ossessivo e la donna l’aveva denunciato per stalking.

La donna stava trascorrendo una tranquilla giornata di mare su di uno dei stabilimenti balneari e stava per recarsi al parcheggio quando è accaduto il fatto. Abagnale si è presentato da solo con una pistola calibro 8, e ha sparato due colpi alle gambe della donna. Immediatamente si è abbattuto il caos sui bagnanti che hanno iniziato a correre via e la donna si è accasciata a terra. Nella piccola località balneare non era mai accaduto nulla di simile prima d’ora.

La fuga

L’uomo è scappato via subito ma la sua fuga è terminata ieri notte, quando i Carabinieri lo hanno trovato e lo hanno messo agli arresti nel Carcere di Poggioreale, sotto ordine della Procura di Torre Annunziata. La vittima è stata immediatamente soccorsa e portata all’ospedale di Vico Equense. Le sue condizioni non sembrano essere gravi.

Nonostante questo, è importante non abbandonare le vittime di violenza. In Italia sono circa 7 milioni le donne che nel corso della loro vita hanno subito una violenza fisica-sessuale. L’abuso non è solo fisico, ma anche psicologico. Non possiamo più continuare a pensare che poteva andare peggio.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli