11.9 C
Napoli
venerdì, 2 Dicembre 2022

Film in uscita nelle sale a novembre 2022

In arrivo nelle sale cinema tantissime novità per novembre 2022. Ecco alcune proposte.

Da non perdere

I film che vedremo a novembre 2022 nelle sale: Munch. Amori, fantasmi e donne vampiro

Un film diretto da Michele Mally, in uscita il 7 novembre 2022, è un documentario incentrato sul pittore norvegese Edvard Munch, autore dell’opera “L’urlo”, divenuta più famosa del suo artefice.

La produzione del pittore è, però, meno nota, motivo per cui Oslo ha deciso di inaugurare nell’ottobre del 2021 il nuovo Museo Munch, un grattacielo che svetta sul fiordo della capitale e che ospita il lascito dell’artista.

Questo documentario ci offre la visione della mente di Munch, delle sue passioni e della sua arte, cercando di far luce su questo maestro, che ha avuto un forte impatto su tutti coloro che sono venuti dopo di lui.

I racconti della domenica

I Racconti della domenica è un film di genere drammatico del 2022, diretto da Giovanni Virgilio, con Alessio Vassallo e Stella Egitto.

Uscita al cinema il 10 novembre 2022. Distribuito da Movieside Distribution. I Racconti della domenica, il film diretto da Giovanni Virgilio, abbraccia quarant’anni di Storia Italiana e siciliana, dal 1934 alla morte di Aldo Moro, attraverso la storia di Francesco, uomo onesto, amante della vita e dei diritti e dei doveri, che racconta la propria vita scrivendo lunghe lettere al padre, partito per l’America che lui era bambino.

Ma, fra dollari che il padre stesso manda alla famiglia in Sicilia, non c’è alcuna risposta.

Dalla giovinezza durante la guerra, alla candidatura a sindaco del proprio paese, la vita di Francesco è uno spaccato della Storia d’Italia e della Sicilia.

La storia di un uomo che, cresciuto senza un padre, è diventato il Padre di tutti i suoi cittadini.

Il Principe di Roma 

In uscita il 17 novembre 2022 con la regia di Edoardo Falcone.

Una commedia sfacciatamente popolare con una misura di leggerezza ed efficaci tempi comici.

Un uomo ricco e avido nel tentativo di recuperare del denaro necessario si troverà nel bel mezzo di un sorprendente viaggio a cavallo tra passato, presente e futuro.

Il principe di Roma sembra un incrocio fra il Canto di Natale dickensiano, cui è dichiaratamente ispirato, e Il marchese del Grillo monicelliano, da cui “ruba” il protagonista reso immortale da Alberto Sordi, e certamente ricalca da entrambi lo stile e la morale, aggiungendo qua e là una spruzzata di Luigi Magni e un’evocazione di Fantasmi a Roma.

Edoardo Falcone ha un innato senso del ritmo di commedia, dunque al netto di tutte le ispirazioni precedenti, che lo rendono palesemente derivativo, il suo film ha una misura di leggerezza e di divertimento che gli ingrazieranno il pubblico popolare.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli