giovedì 13 Giugno, 2024
22.5 C
Napoli

Articoli Recenti

spot_img

Fiasco: la miniserie francese su Netflix

Grande successo sta riscuotendo la nuova miniserie francese, Fiasco, arrivata su Netflix il 30 aprile di quest’anno. Sui toni di Boris, celebre parodia italiana dei set delle fiction, Fiasco racconta la storia di un giovane regista che sta girando un film ispirato alla vita di sua nonna, una partigiana. Si tratta di una storia che Raphaël Valande (questo il nome del regista) vuole raccontare da sempre ed è riuscito addirittura ad avere per la protagonista l’ex starlette Ingrid, sua cotta adolescenziale. Tuttavia arrivato sul set non tutto va secondo i piani e il sogno del suo primo lungometraggio si trasforma in un incubo: il tutto parte dal primo giorno di riprese. Così i problemi finanziari e i capricci degli attori sono solo alcuni degli imprevisti che Valande si ritrova ad affrontare tra le varie vicissitudini tragicomiche che il set gli proporrà.

Fiasco: il cast e il successo

Il regista proprio di questa miniserie è invece Igor Gotesman, 38enne parigino che dopo “Family Business” la storia di una famiglia che produce erba, ha deciso di dedicarsi a Fiasco, che ha scritto in collaborazione con Pierre Niney (interprete del cineasta esordiente Valande). A far compagnia a Niney nel cast ci sono François Civil, Géraldine Nakache, Leslie Medina e Vincent Cassel. La serie girata seguendo lo stile del mockumentary di The Office, comprende sette episodi, tutti tra i 33 e i 40 minuti. È stato già chiesto a Gotesman se ci fosse la possibilità di una seconda stagione, ma il regista è stato molto chiara: non ci sarà perché la sensazione è che Fiasco sia qualcosa di compiuto e compiuto bene.

Il debutto in Francia è stato clamoroso: è arrivato al primo posto sulla piattaforma nel giro di quattro ore dall’uscita. A rendere accattivante questa serie è l’unione della fascinazione eterna del cinema e le complicazioni dei nostri tempi tra social e hackeraggi.