28.1 C
Napoli
venerdì, 27 Maggio 2022

Fabiana Anastasio ringrazia per la telemedicina

Da non perdere

Fabiana Anastasio, presidente del Coordinamento delle associazioni di pazienti diabetici della Campania, in una nota ha ringraziato la Regione Campania.

Il ringraziamento è stato fatto perchè la Regione Campania si è distinta per la sensibilità di aver avviato il servizio di telemedicina per tutti i malati di diabete.

Che cos’è il diabete?

Noto precisamente come diabete mellito, è la più conosciuta forma di malattia metabolica che può colpire l’essere umano.

Quindi, la telemedicina è un sistema  che usa programmi di informatica  per dare assistenza sanitaria a distanza tramite la comunicazione bidirezionale  tra dottore e paziente, senza che essi si debbano trovare necessariamente nello stesso posto.

Infatti, il 27 marzo 2020, la regione Campania ha avviato il servizio di telemedicina per i pazienti diabetici.

Dunque, attraverso tale servizio, i pazienti venivano monitorati e avevano supporto diabetologico, in un momento in cui non si poteva accedere alle strutture sanitarie a causa del Covid 19.

A tal proposito, si ricorda che è stato possibile realizzare questa iniziativa grazie alla cooperazione tra:

  • Bruno Buono e Tommasina Sorrentino, responsabili regionali della Diabetologia;
  • I Presidenti regionali delle società scientifiche AMD, sid  e SIEDP;
  • Il Coordinamento delle associazioni di pazienti diabetici della Campania.

In aggiunta, in questa nota, Fabiana Anastasio, presidente del Coordinamento delle associazioni di pazienti diabetici della Campania fa ringraziamenti speciali a nome di tutti i pazienti diabetici della regione.

Quindi, la presidentessa ha ringraziato:

  • i medici;
  • gli infermieri;
  • le autorità regionali.

Ella ha evidenziato che tale personale nel periodo emergenza Covid 19 e dopo ha lavorato con impegno e professionalità aiutando i pazienti diabetici.

Inoltre, la presidente del Coordinamento delle associazioni di pazienti diabetici della Campania conclude la nota, augurandosi che tale progetto possa continuare ad esistere anche dopo l’emergenza ed essere  migliorato ancora di più.

La donna ha infine sottolineato l’augurio che l’iniziativa sia adottata anche in un’eventuale seconda ondata di coronavirus, dato l’aumento vertiginoso dei casi in relazione all’ultimo periodo estivo.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli