F1, Hamilton vince il Gp di Francia. Vettel quinto

Il campione britannica domina dal primo all'ultimo giro e torna in vetta alla classifica. Male Vettel, solo quinto dopo un errore ad inizio gara

Hamilton_Vettel_xxisecolo_Mario_Tramo
Hamilton Vettel

Con un dominio assoluto dal primo giro, dove partiva in pole position, sino all’ultimo, Lewis Hamilton stravince il Gran Premio di Francia e torna in vetta alla classifica del Mondiale. Il pilota britannico approfitta dell’errore dell’avversario Sebastian Vettel e si porta a quattordici punti di vantaggio nella classifica iridata. Sul podio con lui terminano l’olandese Verstappen della Red Bull ed un ottimo Kimi Raikkonen, apparso in ripresa dopo le ultime deludenti gare.

LA GARA

Il tedesco della Ferrari commette un errore alla partenza toccando l’altra Mercedes di Bottas e, oltre a dover ripartire dalle retrovie, subisce anche una penalità di cinque secondi.

Sin dai primi giri, complice la mancanza del principale avversario nella testa del gruppo, il quattro volte campione del mondo macina una serie incredibili di giri record e stacca in particolare le due Red Bull di Verstappen e Ricciardo, tra i più in forma in giornata. I due, in particolare il giovane talento olandese, provano a stare attaccati ad Hamilton, senza però riuscire nell’intento. Vettel, complice l’aiuto della Safety Car, è riuscito in una rimonta incredibile e si è ritrovato addirittura per pochi giri (durante i vari pit-stop) al quarto posto in classifica. Dall’altra parte in Ferrari grande giornata per il campione finlandese Raikkonen, autore anch’egli di una grande rimonta e protagonista di un sorpasso negli ultimi giri a Ricciardo che gli consente di tornare sul podio dopo tempo. Al sesto posto grande gara per il danese Magnussen che ha preceduto lo sfortunato Bottas ed il figlio d’arte Sainz.

In classifica piloti dopo Hamilton e Vettel c’è il sorpasso al terzo posto di Ricciardo che supera in classifica Valter Bottas. Con 237 punti la Mercedes domina la classifica costruttori, prima davanti alla Ferrari con 214 ed alla Red Bull con 164.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO