4shared
9.2 C
Napoli
domenica, 23 Gennaio 2022

Europa unita contro l’Isis, Gran Bretagna pronta a raid aerei

Da non perdere

Carmela Nappo
Collaboratore XXI Secolo.

RenzieHollande_21secolo_Emanuela_Iovine
Incontro tra Renzi e Hollande

Continua la ricerca del presidente francese, Francois Hollande, di alleati nell’ offensiva anti-Isis, attuata dopo gli attentati di Parigi dello scorso 13 novembre. Dopo l’incontro con Matteo Renzi, Hollande si è poi recato a Mosca, dove è stato ricevuto da Vladimir Putin.

La Russia si è detta pronta a cooperare con la Francia. Nella conferenza stampa con Hollande dopo l’incontro al Cremlino Putin ha dichiarato: “Chi usa i doppi standard col terrorismo ed è coinvolto in attività criminali con lo Stato islamico sta giocando col fuoco”, aggiungendo: “La cooperazione con la Francia è un passo verso la creazione di una coalizione internazionale contro l’Isis”. Putin ha infine annunciato di aver concordato con il presidente francese, Hollande, di condividere le informazioni militari sulle operazioni in Siria.

Intanto anche la Germania si unisce al fronte anti-Isis. Berlino invierà i Tornado nella guerra contro l’Isis, il ministro degli esteri Frank-Walter Steinmeier insieme con la ministra della difesa Ursula von der Leyen ha annunciato la decisione di dare sostegno alla Francia: “Senza un confronto militare con l’Isis non usciremo dalla situazione in Siria”, aggiungendo: “Non abbiamo solo un sentimento di compartecipazione, siamo solidali”.

Anche da Londra arriva l’appoggio alla Francia, il premier David Cameron ha chiesto ai deputati di votare a favore dei raid aerei anti-Isis, che già da un anno stanno colpendo le posizioni Isis in Iraq, in Siria. Cameron dichiara: “Dobbiamo colpire questi terroristi ora” e ha negato che i raid possano fare della Gran Bretagna “un bersaglio più grande”, e ha poi aggiunto: “La chiave in Siria è una soluzione politica”. Cameron ha poi escluso un qualsiasi coinvolgimento di forze di terra britanniche.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli