11.4 C
Napoli
venerdì, 27 Gennaio 2023

Europa – Nato: “Più aiuti a Kiev”

Europa e Nato sempre più vicine: "Vogliamo portare la nostra cooperazione al livello superiore per garantire pace e stabilità"

Da non perdere

“Il presidente Putin voleva dividerci ma ha fallito. Il regime a Mosca voleva un’Europa differente, e ciò avrebbe conseguenze sulla nostra sicurezza quindi noi dobbiamo continuare sulla nostra alleanza transatlantica, sulla cooperazione Ue-Nato e rendere più forte il nostro supporto all’Ucraina” afferma il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg .

La presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen: “Approfondiremo la nostra eccellente cooperazione e la estenderemo a nuovi settori”

“La guerra della Russia contro l’Ucraina ha avvicinato l’Europa e la Nato. Con la dichiarazione odierna, vogliamo portare la nostra cooperazione al livello superiore per garantire pace e stabilità”– dice il presidente del Consiglio Ue. Questo, inoltre parla di un supporto militare e diplomatico “più forte” all’Ucraina.

L’Europa e la Nato “hanno aggiornato le loro ambizioni sulla sicurezza globale. Con la dichiarazione di oggi vogliamo intensificare la nostra cooperazione su spazio, infrastrutture strategica, disinformazione e ingerenze, cambiamento climatico” conclude il presidente del Consiglio..

“Dall’inizio dell’anno ci sono stati più di 600 attacchi a città e paesi pacifici: quattro morti e sette feriti”, dice Starukh, il quale sottolinea che ieri i russi hanno lanciato 91 attacchi nella regione, di cui 70 hanno preso di mira le infrastrutture civili in 19 villaggi.

I filorussi intendono vietare la circolazione della valuta ucraina (la grivna) nei territori occupati della regione. Inoltre, sono stati introdotti dei “pass” per i residenti, senza è vietato muoversi tra i villaggi occupati.

“Gli eventi in Ucraina non sono uno scontro tra Mosca e Kiev, questo è uno scontro militare tra la Nato, e soprattutto Stati Uniti e Inghilterra, e la Russia. Temendo il contatto diretto, gli istruttori della Nato stanno portando i ragazzi ucraini a morte certa. Con l’aiuto di un’operazione militare speciale, la Russia sta liberando le sue regioni dall’occupazione e deve porre fine al sanguinoso esperimento dell’Occidente per distruggere il fraterno popolo ucraino”. Così afferma  il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev, figura molto vicina a Putin.

“Non siamo in guerra con l’Ucraina, perché, per definizione” – afferma Patrushev – “non possiamo provare odio per gli ucraini ordinari. Le tradizioni ucraine sono vicine agli abitanti della Russia, così come l’eredità del popolo russo è inseparabile dalla cultura degli ucraini. Si noti che in Crimea la lingua ucraina è conservata come una delle lingue di stato”.

Il ministro della Difesa Sergei Shoigu dice: “Continueremo a sviluppare la triade nucleare e a mantenerla pronta al combattimento, poiché lo scudo nucleare è stato e rimane il principale garante della sovranità e dell’integrità territoriale del nostro Stato. Aumenteremo anche le capacità di combattimento delle forze aerospaziali”.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli