4shared
22.4 C
Napoli
mercoledì, 22 Settembre 2021

Euro 2020, Mancini e la sua Italia potranno laurearsi campioni?

Schiantata 3-0 la Turchia, la Nazionale italiana, sulle note dell'inno di Mameli, sogna il successo finale degli Europei

Da non perdere

La sabbia nella clessidra è già precipitata, lo scoccare inatteso delle lancette è ormai giunto, gli undici leoni azzurri hanno calpestato il rettangolo verde dell’Olimpico ed hanno cominciato la battaglia. Sulle note emozionanti dell’inno di Mameli, intonato a squarciagola, l’Italia di Roberto Mancini ha regalato finalmente il primo spettacolo di Euro 2020, allontanando e frantumando ogni tipologia di scetticismo. E allora il quesito sorge quasi in modo naturale: la Nazionale italiana può essere davvero la mina vagante della competizione e laurearsi campione d’Europa?

Si è abituati a grandissime imprese, l’ultima risale alla strepitosa vittoria del mondiale del 2006; la bacheca di questa nazionale è impregnata di trofei, il passato a tinte azzurre è aggrovigliato da un filamento glorioso. Da sempre, dunque, l’Italia è stata una squadra leggendaria, atta a trionfare e a concludere fatiche imperve. Una grande squadra, abituata sempre a soffrire per poter centrare obiettivi colossali e per poter offrire all’intera popolazione italiana di gioire, sventolando la bandiera tricolore.

Turchia-Italia 0-3: i turchi soggiogati dalla veemenza azzurra

Un’Italia perfetta, per la pazienza e la mentalità che ha dimostrato. L’equilibrio primordiale è stato infranto dal talento italiano, dall’estro calcistico di alcuni azzurri, dalla facilità di quest’ultimi con cui sono andati in gol. Sarà fondamentale conservare l’entusiasmo mostrato e sfoderarlo nuovamente nella prossima sfida contro il Galles, per poter gustare una grossa fetta di qualificazione alla fase successiva del torneo. Sin dal fischio d’inizio, c’è stata una vera e propria egemonia azzurra, una supremazia durata per tutti i novanta minuti.

Un dominio che ha fatto fatica a concretizzarsi, una partita sbloccata soltanto grazie all’autogol di Demiral, giovane difensore della Juventus. La rete sagace di Ciro Immobile e la specialità della casa di Lorenzo Insigne hanno permesso all’Italia di partire con il piede giusto ed hanno regalato a Roberto Mancini tre punti tappezzati di un tessuto dorato. Lo 0-3 con il quale la Nazionale ha superato la Turchia, nel match di apertura di Euro 2020 è il 28° risultato utile consecutivo della squadra, dall’approdo in panchina di Mancini.

La Nazionale italiana può davvero vincere Euro 2020?

Sin dall’inizio, l’entusiasmo mostrato per la partecipazione dell’Italia agli Europei è stato smisurato: il desiderio asfissiante, il sogno proibito è la vittoria finale della competizione. La squadra è stata etichettata come una delle candidate al titolo continentale, per le notevoli qualità possedute dai suoi calciatori e il gioco esibito durante le sfide. Questa definizione inorgoglisce, raggiungere la fama sembra non essere un’impresa così ardua. Grande di questo merito va sicuramente attribuito al ct, valente nel fornire un gioco ed una identità alla rosa.

Di partita in partita, dunque, comincerà ad albergare nel cuore dei tifosi angoscia ed inquietudine, per un obiettivo comune, perché questo è risaputo, l’azzurro ci unisce. Nel vocabolario italiano è assente la voce del verbo “arrendersi“, perché la nostra storia calcistica ci ha insegnato a non gettare la spugna per nessun motivo. Al di là del risultato, non abbiamo mai gradito calare il capo, perché su ciascun terreno di gioco vi abbiamo lasciato il nostro cuore azzurro. Vagheggiamo il successo europeo, realizziamo il nostro sogno perché noi siamo “Fratelli d’Italia…“.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli