4shared
7.7 C
Napoli
mercoledì, 19 Gennaio 2022

Elton John dichiara ‘guerra’ a Dolce e Gabbana

Da non perdere

Alessia Esposito
Collaboratore XXI Secolo.

Dispute riguardanti la possibilità di permettere a coppie gay di poter ‘avere’ figli ce ne sono state tante nel corso degli ultimi anni, ma quando a esserne coinvolti sono personaggi famosi, allora tutto cambia. Protagonisti di una nuova vicenda sono il famoso cantante, Elton John e gli stilisti Dolce e Gabbana.

Il tutto è nato quando in un’intervista a Panorama, i due stilisti hanno dichiarato: Non l’abbiamo inventata mica noi la famiglia. L’ha resa icona la Sacra famiglia, ma non c’è religione, non c’è stato sociale che tenga: tu nasci e hai un padre e una madre. O almeno dovrebbe essere così, per questo non mi convincono quelli che io chiamo figli della chimica, i bambini sintetici. Uteri in affitto, semi scelti da un catalogo. E poi vai a spiegare a questi bambini chi è la madre. Procreare deve essere un atto d’amore, oggi neanche gli psichiatri sono pronti ad affrontare gli effetti di queste sperimentazioni. La vita ha un suo percorso naturale, ci sono cose che non vanno modificate. E una di queste è la famiglia. E così Elton John, che ha avuto due figli grazie all’inseminazione artificiale, sentitosi chiamato in causa ha deciso di dichiarare guerra ai due stilisti e quale modo migliore se non utilizzare un social network come Instagram. Sul suo profilo, infatti, il cantante ha pubblicato una foto di Dolce e Gabbana con il commento: Ma come si permettono di definire i miei bambini ‘sintetici’. Si vergognino per aver puntato le loro dita contro la fecondazione in vitro, un miracolo che ha consentito a legioni di persone che si amano, etero ed omosessuali, di realizzare il loro sogno di avere figli. Il loro è un pensiero antico, per nulla al passo coi tempi, proprio come la loro moda. Non indosserò mai più un vestito di Dolce & Gabbana. E per finire ha aggiunto un hastag: #boycottDolce&GabbanaStefano Gabbana ha, quindi, scritto una nota ufficiale per commentare l’accaduto: Crediamo fermamente nella democrazia e pensiamo che la libertà di espressione sia una base imprescindibile per essa. Noi abbiamo parlato del nostro modo di sentire la realtà, ma non era nostra intenzione esprimere un giudizio sulle scelte degli altri. Noi crediamo nella libertà e nell’amore. Domenico Dolce ha poi aggiunto: Sono siciliano e sono cresciuto con un modello di famiglia tradizionale, fatto di mamma, papà e figli. So che esistono altre realtà ed è giusto che esistano, ma nella mia visione questo è quello che mi è stato trasmesso. Io sono cresciuto così, ma questo non vuol dire che non approvi altre scelte. Ho parlato per me, senza giudicare le decisioni altrui.

Tutto è stato inutile però, perché i commenti sono fioccati da tutte le parti, anche da personaggi famosi come Cortney Love che si è schierata dalla parte del cantante: Ho appena raccolto tutti i miei vestiti Dolce e Gabbana e li voglio bruciare. Non ho parole. Boicottiamo la bigotteria insensata. O ancora Ricky Martin, anche lui padre di due gemelli avuti in provetta, che ha scritto direttamente agli stilisti: Le vostre voci sono troppo potenti per spargere così tanto odio. Sveglia, siamo nel 2015, amate voi stessi ragazzi!Stavolta D&G sembrano proprio aver sbagliato o forse, soprattutto dopo la loro ultima collezione dove hanno scelto di far sfilare delle mamme invece che delle modelle, sono solo stati realisti. In fondo è solo questione di libertà di pensiero.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli