4shared
9.8 C
Napoli
giovedì, 27 Gennaio 2022

Dramma ad Alessandria : maestra uccisa dall’ex amante

Dramma in provincia di Alessandria, dove una maestra 42enne è stata uccisa dall'ex amante

Da non perdere

Un tragico delitto si è consumato a Valenza, in provincia di Alessandria. La vittima, una maestra d’ asilo di 42 anni, è stata trovata morta nella sua abitazione.

I fatti. La vittima, Ambra Pregnolato, intratteneva una relazione extraconiugale da un anno con il 46enne Michele Venturelli. Durante un interrogatorio Venturelli ha confessato che la vittima non era più disposta a lasciare il marito per creare una vita con lui, questo sarebbe stato il movente dell’omicidio.

Venturelli si è recato a casa della maestra e l’ha colpita ferocemente con un martello che aveva con sé per riparare una bicicletta, in seguito all’estremo gesto l’omicida ha cercato di togliersi la vita lanciandosi sotto un treno.

Nel tentativo l’uomo ha riportato alcune ferite ed è stato trasferito all’ospedale di Alessandria, dove ha trovato le forze dell’ordine ad attenderlo. Durante un lungo interrogatorio l’uomo ha confessato l’accaduto.

A risolvere la situazione è stato il nucleo investigativo di Alessandria. Prima di fermare l’uomo i militari erano già entrati in possesso di elementi rilevanti per la conclusione del caso.

Le varie indagini svolte hanno chiarito ulteriormente la dinamica dei fatti : Venturelli, che alloggiava a casa del padre e della sorella nello stesso quartiere della vittima, le ha chiesto un incontro sapendo di trovarla sola. Arrivato a casa della Pregnolato l’ha esortata a salvare il loro rapporto, ma vedendo la donna determinata a non tornare indietro l’ha colpita ripetutamente alla testa, fino alla morte. Si è poi disfatto delle prove, vestiti sporchi di sangue e martello, e li ha gettati in un fiume.

In seguito è tornato a casa del padre e della sorella ed è stato interrogato dai carabinieri. Dopo l’interrogatorio, l’uomo si è allontanato e ha cercato il suicidio, ed è stato condotto in ospedale, dove, durante il colloquio con l’avvocato d’ufficio, ha confessato l’accaduto.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli